Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Walter Gargano racconta i suoi anni a Napoli

Gargano racconta di Lavezzi, Hamsik, Benitez e De Laurentiis

Walter Gargano è stato tanti anni al Napoli e ci ha lasciato il cuore. Intervistato dal Corriere dello Sport ha ricordato alcuni momenti della sua avventura azzurra:

“Marek Hamsik non è stato soltanto il più forte calciatore con il quale ho giocato ma è principalmente una persona straordinaria. In campo, sapeva sempre fare la cosa giusta, non mi pare di avergli mai visto sbagliare una interpretazione di una giocata; e fuori, Marek è meraviglioso. Arrivammo insieme io, Lavezzi e Hamsik ed eravamo giovanotti sconosciuti. I primi tempi, io e il Pocho ci potevamo permettere anche di andare in giro, comodamente, senza che ci riconoscessero, e qualche ragazzata l’abbiamo fatta. Poi il Napoli ci ha dato notorietà e ci siamo dovuti adeguare, con comportamenti irreprensibili”.

Gargano ha poi concluso: “Il famoso gesto «tengo huevos» dopo il rigore in Supercoppa a Doha? Ci giocavamo la Supercoppa italiana, di fronte avevamo la Juventus, e diciamo che prima che si cominciasse con la sequenza dei cinque rigoristi, ci fu discussione. Sono cose che restano tra di noi e che sfioro soltanto, per spiegare per la prima volta l’accaduto. Io avevo giocato poco prima in Confederations contro l’Italia e Buffon me lo aveva parato. Dissi: ok, vado io, e cambio. E feci gol. E mi venne istintivo lasciarmi andare. Benitez? Sono stato bene con chiunque (Reja, Donadoni), ma Benitez appartiene a un’altra categoria. Quando rientrai a Napoli, dopo le due stagioni tra Inter e Parma, non fu facile e non solo sarebbe stato per nessuno. E invece lui con la sua esperienza mi tranquillizzò: tu resti qua, vedrai che giocherai. Rafa ha un suo stile, gli sono riconoscente per quella stagione nella quale mi ha cambiato. La garanzia del Napoli è De Laurentiis. Sapevo che quando le situazioni di ingarbugliavano, De Laurentiis sarebbe arrivato per riportarci alla realtà e lo avrebbe fatto a modo suo, ma trovando sempre la parole giuste. Ha praticamente rinnovato Mertens. E vi dico una cosa: so che è stata fatta una proposta a Callejon e spero che José resti, perché io uno che si sacrifica quanto lui non lo ricordo in giro. Voglio permettermi di dare un consiglio a De Laurentiis: tenga Callejon”.

LEGGI ANCHE:

Ecco come i club della Liga risarciscono gli abbonati

Pierpaolo Marino: “La ripresa sarà una roulette russa”

90 minuti di fuoco? Dieta e tanta acqua

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide