Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Udinese-Napoli 0-4: gli azzurri calano il poker e volano in prima posizione

È Napoli show alla Dacia Arena. I ragazzi allenati da Luciano Spalletti regalano un’altra prova convincente battendo 4-0 i padroni di casa e volano indisturbati al primo posto in classifica.

Il Napoli sbaglia poco e concretizza tanto. Prestazione eccellente da parte di tutti gli azzurri, difficile (se non impossibile) trovare qualcuno al di sotto la sufficienza. Nei primi 20 minuti l’Udinese con carattere ha messo diverse volte in difficoltà i partenopei grazie ad un pressing alto e alla qualità degli esterni. Ma 4 minuti dopo arriva la svolta, grazie ad un tocco sotto del capitano Lorenzo Insigne che scavalca Silvestri e per poco non si insacca in rete… perché a farlo è Victor Osimhen che gli scippa il gol. Da quel momento fino alla fine della partita, in campo c’è una sola squadra. Il gol del raddoppio arriva da uno schema da manuale del calcio, e sottolinea ancora di più l’importante lavoro svolto da Spalletti. I suoi giocatori lo seguono sempre di più, e applicano alla perfezione tutto quello che imparano in allenamento. A segnare è Rrahmani, ancora una volta preferito a Manolas, che non tradisce la fiducia del tecnico.

Nel secondo tempo non cambia la musica e a segnare la rete del 3-0 è l’altro centrale di difesa Kalidou Koulibaly che sugli sviluppi di un calcio d’angolo, calcia un missile che non lascia scampo all’estremo difensore bianconero. I due difensori centrali del Napoli tra l’altro non segnavano nella stessa partita dal 18 aprile 2018, proprio contro l’Udinese. In quella occasione segnarono Tonelli e Albiol. Il Napoli è padrona assoluta del campo e continua a creare occasioni da gol. Al 62’ gli azzurri sfiorano il poker con un colpo di testa di Anguissa che viene però parato miracolosamente da Silvestri. Il camerunese è stato protagonista di un’altra ottima prestazione e insieme a Fabian sembra aver formato una coppia di mediani di altissimo livello. Il KO arriva all’84’ grazie ad un tiro a giro del subentrante Lozano. Fondamentale il lavoro in fase di costruzione di Mario Rui. La partita termina con il risultato di 4-0 per il Napoli, che conquista la vetta della classifica in solitaria a punteggio pieno. È ancora troppo presto per poter parlare di scudetto, e soprattutto non bisogna mai perdere di vista il vero obiettivo della stagione, ossia il ritorno in Champions League. Ma i presupposti per una stagione da ricordare ci sono tutti, e Luciano Spalletti lo sta dimostrando ogni giorno che passa.

Da segnalare il vergognoso comportamento dei tifosi avversari, che invece di incitare la squadra, intonano cori discriminatori contro Napoli. Nel 2021 una cosa del genere è inaccettabile, si spera che la Lega prenda provvedimenti verso questi individui che macchiano lo sport con queste schifezze.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide