Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Tutti pazzi per Insigne “Superstar”

L’attaccante azzurro, definito dall’Uefa e dalla stampa internazionale come il migliore in campo, ricorderà la serata di Monaco come una delle più belle esperienze della propria carriera di calciatore.

Tutti pazzi per Insigne "Superstar"

la vignetta di Roberto ReyTutti pazzi per Insigne “Superstar”

Battendo il Belgio per 2-1, l’Italia dopo nove anni torna in semifinale agli Europei di calcio. Protagonista assoluto della gara è stato Lorenzo Insigne che ha giocato una partita fantastica impreziosita da un gol spettacolare. Quello del 2-0, realizzato con il suo magico “tiro a giro”. E si badi bene che tra i pali del Belgio c’era un certo Courtois, uno dei migliori portieri al mondo.

L’attaccante azzurro, definito dall’Uefa e dalla stampa internazionale come il migliore in campo, ricorderà la serata di Monaco come una delle più belle esperienze della propria carriera di calciatore. Quello di ieri sera è stato il decimo gol segnato con la maglia della nazionale il cui numero è proprio quel 10 che, per chiunque la indossi, può rappresentare un enorme peso, ma non per Lorenzo, diventato ormai il vero leader tecnico della squadra di Mancini.

A fine gara il capitano del Napoli, con la solita modestia che lo contraddistingue, ha rilasciato la seguente dichiarazione condividendo il successo con tutti il gruppo azzurro e dedicandolo allo sfortunato Spinazzola:

“Questo è uno dei gol più importanti con la maglia della Nazionale. Sono contento perché siamo andati in semifinale, abbiamo fatto una gran prova di squadra. Soffriamo tutti insieme, il mister ha creato un grande gruppo, questo grande spirito. Ho vinto il premio di Man of the Match ma se Spinazzola non si fosse infortunato sarebbe andato a lui anche oggi. Non sono il leader della Nazionale. Tutti insieme stiamo facendo un grande Europeo. Mi sto mettendo a disposizione. Con l’Austria non ho fatto una grande prestazione, oggi siamo stati tutti all’altezza”.

Conoscendo l’amicizia che lo lega a Mertens si può star certi che, per sollevargli il morale dopo la delusione dell’eliminazione, avrà trovato le parole giuste anche per lui. Parole che al momento nessuno conosce, ma che noi abbiamo provato a immaginare con un po’ di umorismo attraverso una simpatica vignetta…

LEGGI ANCHE

Italia, continuano le notti magiche: 2-1 anche al Belgio

 

 

Grafico, vignettista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide