Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Stanislav Lobotka: ” Con Gattuso avrei potuto perdere anche dieci chili e probabilmente non avrei giocato

Dal  ritiro della sua Nazionale Lobotka ha parlato a Sport Aktualit dell’inizio della sua stagione: “Sento la fiducia di Spalletti”

“Se Gattuso fosse rimasto in squadra, avrei potuto anche perdere dieci chili e probabilmente non avrei giocato. Fortunatamente per me, è arrivato un nuovo allenatore che mi ha dato fiducia.”

Stanislav Lobotka, dal  ritiro della sua Nazionale  ha parlato a Sport Aktualit dell’inizio della sua stagione:  “Sento la fiducia di Spalletti. Ho più spazio e sto provando a sfruttarlo. Spalletti si è improvvisamente interessato a me a differenza del vecchio allenatore. Spalletti vuole giocare di più in mezzo al campo, noi puntiamo sul calcio combinato. Mi sta bene e cerco di ripagare la fiducia. Mercato? Mi sentivo sicuro, quindi non volevo andare da nessun’altra parte. Cerco di rimanere positivo, anche se non è sempre facile. Per fortuna adesso mi sto divertendo. L’inizio di stagione non è stato facile. Nella prima partita abbiamo avuto un giocatore squalificato, ma fortunatamente siamo riusciti a vincere. Non è stato l’ideale nemmeno nella seconda partita, ma abbiamo ottenuto ancora tre punti. Vogliamo entrare in Champions League e cercheremo sicuramente di vincere anche il titolo”.

Parole di grande ottimismo per il futuro ma anche molto dure di Lobo nei confronti di Rino Gattuso, che Valter De Maggio ha chiesto di commentare a Delio Rossi, nel corso di Radio gol. “Io penso che un calciatore debba rispondere sul campo. Se il centrocampista giocava meno ci sarà un motivo. Affermare certe cose ora che il mister calabrese non è più a Napoli mi sembra alquanto sbagliato. Lobotka avrebbe dovuto dimostrare di meritare un ruolo di primissimo piano negli allenamenti  quando veniva chiamato in causa da Gattuso”.

Una difesa della categoria, quella di Rossi, che si può anche condividere, tuttavia, a distanza di circa quattro mesi,  cominciano ad emergere “i nodi” che hanno impedito al Napoli l’accesso alla Champions. Lobo è soltanto uno dei nodi, considerando Mario Rui, Diego Demme e anche lo stesso Lozano che sembrava più a suo agio lontano dagli urli del tecnico, per non parlare di Meret relegato in panchina. Cominciano ad emergere i motivi per cui il presidente sia rimasto in silenzio, facendo tacere tutti.  Una Coppa Italia è un trofeo importante nella storia di un club: ma a che prezzo!

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide