Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Spalletti: ” Non abbiamo fatto scelte coraggiose”

Nel primo tempo abbiamo fatto meno, cercando soluzioni senza carattere e intraprendenza; nel secondo tempo abbiamo fatto molto meglio dal punto di vista della ricerca,

Prima della conferenza stampa più fredda e ragionata, Spalletti ha parlato “a caldo” ai microfoni di DAZN ancora fremente per quel calcio alla fortuna di Dries Mertens al 97°. Era entrato al 75° aveva restituito il Napoli al Napoli, aveva segnato, aveva riaperto la partita, l’Inter si affidava alla lentezza di Handanovic, era vicino il 13esimo risultato utile e alle stelle…

Così Spalletti inizia a tessere le lodi di Lautaro che segnò contro il Napoli la sua prima rete quando Spalletti era seduto su quella panchina: “ Lautaro è un calciatore fortissimo. Quand’è arrivato all’inizio doveva entrare pian piano in squadra, poi ha fatto quello che doveva fare e ora sta dimostrando di essere un campione”.

C’è rammarico per com’è andata? “Nel secondo tempo abbiamo fatto molto meglio dal punto di vista della ricerca, con qualche scelta più coraggioso e delle palle date con più qualità e imprevedibilità. Nel primo tempo abbiamo fatto meno, cercando soluzioni senza carattere e intraprendenza. A volte siamo arrivati tardi. Ma abbiamo fatto una partita di livello, anche se ci sono delle cose da mettere a posto”.

Prima impressione su Osimhen? Cosa non l’ha soddisfatta? “E’ generoso, si lascia trascinare da qualsiasi cosa gli passi accanto, invece deve fare delle scelte. Se va ad attaccare il centrale, il braccetto di destra e di sinistra, poi tocca abbassarci o ci prendiamo le ammonizioni perché loro vanno dall’altro lato, diventa una corsa di cento metri per tutta la squadra. Ha quest’occhio gonfio, quando ha preso la botta non vedeva neanche tanto bene. Stava venendo fuori l’ematoma intorno all’occhio, ma penso che finisca lì, che sia un trauma contusivo e basta. Lo spero”.

(Ciro Ferrara) Come hai provato a limitare i quinti dell’Inter? “Contro l’Inter è difficile giocare con un atteggiamento tattico differente rispetto a quello con la linea difensiva molto corta. Spesso bisogna arrivarci col terzino sul loro quinto, l’attaccante va sul braccetto. Quando le distanze s’allungano diventa più difficile, allora ci sono le vie di mezzo, col mediano e abbassando il trequartista sulla linea di centrocampo. A volte l’abbiamo fatto. Noi dobbiamo andare a viso aperto e stasera l’abbiamo fatto solo nel secondo tempo. Se si gioca con timore e non si fanno scelte coraggiose contro queste squadre qui diventa difficile. Bisogna giocare a viso aperto. Loro si sono meritati le attenzioni degli avversari e ora devono giocarsela senza timori”.

E’ arrabbiato per aver perso l’occasione di andare in testa da solo? “Io sono arrabbiato se noi non facciamo le cose che dobbiamo fare. Nel primo tempo lo ero perché non abbiamo fatto scelte coraggiose e per giocare contro Inter, Milan e le grandi squadre ci vuole coraggio. Noi dobbiamo proporre cose importanti”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide