Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Spalletti ancora non sa se potrà contare su Osimhen e Ospina

Le incognite di Napoli-Juventus: per Osimhen si attende la sentenza e per Ospina un rientro in anticipo

Neanche il tempo di sorridere dopo la chiusura del mercato, che per il Napoli è giunta la notizia del grave infortunio di Alex Meret mentre David Ospina è impegnato con la sua selezione e giocherà nella notte tra il 9 e il 10 settembre contro il Cile. Arriverà dunque a Napoli forse in tempo per la partita ma non certo in tempo per “ risincronizzarsi” a causa del fuso orario. La Nazionale stavolta non c’entra, e chissà se quel volo di Meret nel gol annullato a Genova non sia la causa: ma poco importa. Piuttosto importa che torna il campionato con una sfida importantissima e Spalletti ancora non sa se potrà contare su Osimhen e su Ospina. Per Osimhen si dovrà attendere la prossima settimana, martedì o mercoledì, la sentenza della Corte d’Appello, e per Ospina l’auspicio che possa rientrare in anticipo dopo la partita con il Paraguay che si disputerà il 6 settembre.

Intanto ieri gli azzurri sono tornati al  Konami Training Center per la seduta d’allenamento con Ghoulam e Mertens coinvolti a pieno titolo. E’ sempre più vicino il momento del rientro e Spalletti dovrà gestire i tempi di reinserimento.

La chiusura del mercato ha registrato contrastanti reazioni che si proiettano al prossimo campionato con scadenza di contratti e una rosa che dovrà essere svecchiata, ma sarebbe invece il caso di guardare in casa Napoli oggi per scoprire che ci sono tutti gli elementi per credere in un campionato ad alta quota.

Le sette sorelle partono più o meno allo stesso livello, tutte con problemi di bilancio da riequilibrare, tutte con un percorso verso un fair play finanziario che ha visto la necessaria cessione di giocatori simbolo.

Il Presidente De Laurentiis ha scelto diversamente di non aggravare il “rosso” ma non privando Spalletti della squadra che voleva e per la quale ha lottato sino all’ultimo giorno trattenendo Ounas e Petagna. Ma ADL non ha potuto dire no a chi in due mesi gli aveva restituito i 25 milioni di Lobotka e i 25 (più dieci di bonus)  di Meret, due giocatori che Gattuso aveva declassato e demoralizzato.  Si ricominci da Napoli-Juventus con tanti scogli ancora da evitare.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide