Seguici su
1606814839090918

In primo piano

SERIE A – Il Milan è campione d’Italia

Vincono per 3-0 le milanesi, ma è il Milan dopo 11 anni a conquistare il 19esimo scudetto

SASSUOLO – MILAN 0-3  ( 17°, 32° Giroud (M), 36° Kessie (M) ) Fa festa il Milan, gli uomini di Pioli conquistano il 19mo scudetto della storia rossonera, il primo dopo l’era Berlusconi. Lo scudetto mancava dalla stagione 2010-11, con il tricolore conquistato, il Milan nell’albo d’oro della serie A, aggancia proprio i cugini dell’Inter. Da un errore dei padroni di casa, Leao entra in area e dal suo passaggio, il pallone viene rimpallato dalla difesa nero verde, Giroud con un tiro non irresistibile supera Consigli al 17°. Il Sassuolo soffre la spinta del Milan, che raddoppia al 32°, azione fotocopia del primo gol, ancora Leao che si fa beffa della difesa casalinga, passaggio a Giroud per il raddoppio milanista. E’ un Leao irresistibile, assist man per Kessie che in area di destro firma il terzo gol. Complimenti al Milan con 86 punti è campione d’Italia, inanellando 16 risultati utili consecutivi, l’ultima sconfitta risale a gennaio in casa contro lo Spezia. Al fischio finale, dopo due minuti di recupero, il popolo rossonero accorso in migliaia a Sassuolo possono esplodere di gioia e festeggiare insieme ai propri beniamini.

INTER – SAMPDORIA   3-0 ( 49° Perisic (I), 55°, 57° Correa (I) ) Bisognava vincere e attendere buone notizie da Sassuolo, ma il pomeriggio nerazzurro diventa incubo già al 17° del primo tempo, quando dal Mapei Stadium arriva la notizia del vantaggio rossonero. Questo si ripercuote sul gioco dell’Inter che fa fatica ad andare in gol, anche se non mancano le occasioni. Nella ripresa è Perisic al 49° a portare in vantaggio l’Inter, dall’assist di Barella il croato incrocia col sinistro battendo Audero. Il raddoppio nerazzurro è firmato da Correa al 55°, l’ex laziale col piattone va in gol. Due minuti dopo, nerazzurri ancora in gol con Corre che sigla la sua doppietta personale. L’Inter chiude a 81 punti fermandosi al secondo posto, pagando qualche pareggio di troppo e la recente sconfitta contro il Bologna, con un Milan dal ruolino di marcia irresistibile.

Collaboratore - Laurea in Teologia

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide