Seguici su
1606814839090918

Commento alla partita

Sei gol alla Fiorentina, Insigne incanta e mette a tacere i critici

La squadra ha dato dimostrazione di carattere contro i viola in vista della Supercoppa; emozionante il ritorno di Callejon

Napoli-Fiorentina 6-0 (5′, 71′ Insigne, 36′ Demme, 38′ Lozano, 45′ Zielinski, 89′ Politano)

Archiviamo Dicembre 2020, archiviamo le prime partite del 2021; sarà stato forse questo il messaggio di Gattuso al pranzo di Ercolano con la squadra, occasione nella quale si era stipulato un patto di coesione e concentrazione in vista delle importanti sfide che attenderanno da questo momento in poi gli azzurri. La positività di Fabian Ruiz, l’attesa per capire l’esito dei tamponi e lo spettro di un rinvio potevano minare la serenità dei giocatori, ma così non è stato: il capitano Insigne capro espiatorio di tutti i mali del Napoli- compie vere magie in campo, incanta, segna una doppietta, e aiuta la sua squadra a segnare ben sei gol; Fiorentina annichilita, nonostante un buon inizio dei viola. L’immagine più bella è quella di Callejon, emozionato nel tornare al Maradona: mercoledì il Napoli tornerà ad avere un tifoso in più.

Bastano 5’ ai padroni di casa per passare in vantaggio: splendida azione corale,  Lozano la mette a centro dalla destra, Petagna difende bene la palla in area e la scarica dietro per Insigne che con un diagonale chirurgico batte Dragowski e sblocca la partita. C’è apprensione per Ospina e Manolas, rimasti a terra doloranti per unn colpo subito da entrambi alla spalla, ma fortunatamente i due azzurri si rialzano. La Fiorentina sfiora il pari al 23′ con un tiro di Biraghi deviato da Demme, la palla sbatte sulla traversa con Koulibaly bravo a saltare e a coprire la porta. Poco dopo è Ospina a compiere un miracolo su tiro ravvicinato di Ribery; al 32′ Biraghi sfiora addirittura il palo con uno splendido diagonale. Ma con due contropiede i partenopei mettono in cassaforte il risultato. Demme trova il raddoppio al 36’che in scivolata realizza ancora sul servizio di Petagna; Lozano al 38′ taglia a centro e segna sul pallone filtrante di Insigne che aveva danzato tra i difensori viola. Il poker lo trova Zielinski al 45′ con una conclusione da fuori area dopo una ripartenza azzurra.

Nella ripresa il Napoli controlla il match, e Prandelli fa entrare Kouamè al posto di Ribery per giocare con due punte. Al 55′ Castrovilli crea una buona occasione per Vlahovic bravo a evitare l’uscita di Ospina con un pallonetto, ma c’è Koulibaly a salvare. Poi possesso viola e contropiede azzurro con una entrata fuori tempo su Bakayoko di Castrovilli che provoca il rigore che consente a Insigne di siglare: doppietta che conferma come la Fiorentina sia il suo bersaglio preferito (8 reti) e che porta il capitano azzurro a -2 nella classifica dei goleador di tutti i tempi del Napoli da Attila Sallustro. C’è pure tempo per vedere in campo Mertens- che entra al posto di un dolorante Petagna- e l’esordiente Cioffi (classe 2002); nel finale ci pensa Politano in slalom a chiudere una partita splendida. E’ una vittoria importantissima che alza il morale della squadra di Gattuso, in attesa della finale di Supercoppa contro la Juve di mercoledì.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Commento alla partita

rfwbs-slide