Seguici su
1606814839090918

Commento alla partita

Pokerissimo Napoli, l’Udinese si arrende a un Napoli stellare

Al Maradona il Napoli incanta, consapevole dell’importanza delle ultime partite; in gol Zielinski, Fabian, Lozano, Di Lorenzo e Insigne, alla 18sima rete stagionale

Napoli-Udinese 5-1 (28′ Zielinski, 31′ Fabian; 41′ Okaka; 56′ Lozano, 66′ Di Lorenzo, 91′ Insigne)

Napoli bello come la perla di Fabian Ruiz; Napoli bello come il 18simo gol in Serie A di Lorenzo Insigne; Napoli bello come Osimhen, a secco stasera ma  fondamentale nel gioco azzurro; ma soprattutto, Napoli bello  perchè concentrato verso un unico obiettivo, e consapevole dell’importanza delle ultime sfide che lo attendono. La squadra di Gattuso con la manita rifilata all’Udinese di Gotti- una delle migliori difese del campionato- è arrivata a quota 100 gol in campionato, diventando il secondo miglior attacco alle spalle dell’Atalanta a 104. Ma è inutile rimpiangere su sfortune e errori, testa alle prossime due.

Gattuso cambia solo due uomini rispetto alla partita vinta sabato a La Spezia. In mediana Bakayoko prende il posto di Demme, mentre all’ala destra preferisce il messicano Lozano a Politano. Insigne scalda i pugni di Musso all’8′, poi il portiere argentino è graziato da Di Lorenzo, che da pochi passi calcia alto dopo una torre di Osimhen (11′). Il nigeriano si conferma in grande forma e al 17′ conclude di poco alto di testa. L’Udinese dà segnali di presenza con un destro impreciso di Pereira (24′). Passano quattro minuti e gli azzurri sbloccano il match: Osimhen salta Becao, Musso para con il piede, ma sulla ribattuta c’è Zielinski che non sbaglia. Dopo un salvataggio di Bonifazi sulla botta a colpo sicuro di Osimhen, arriva il raddoppio con un sinistro a giro di Fabian Ruiz che toglie le ragnatele dall’incrocio alla destra di Musso. Il Napoli sembra gestire senza troppi patemi, ma i friulani sono bravi a riaprire il match al 41′ con Okaka, che difende palla su Manolas, e scaglia un diagonale di destro imparabile per Meret.

Il Napoli riparte a testa bassa nella ripresa e va a pressare altissimo. Udinese in difficoltà con Bonifazi che rimedia un giallo per fermare come può Osimhen. Poi – sempre sul pressing molto alto e ben organizzato degli azzurri – sbaglia Musso un appoggio in verticale sul quale si avventa Lozano che anticipa De Paul e poi deposita in gol. L’Udinese prova a ripartire e un tiro cross di Ouwejan, entrato per Becao, tocca la parte esterna della traversa. Ma le urla di Gattuso servono a tenere alta l’attenzione degli azzurri. Che sfiorano il 4-1 con una grande azione personale di Osimhen (salva Musso). E sull’angolo incornata di Manolas, altro salvataggio del portiere e Di Lorenzo è il più lesto a mettere dentro. Partita chiusa e il tecnico può cominciare a pensare alla partita di domenica a Firenze. E così viene risparmiato Osimhen, che è pure diffidato. Il Napoli resta padrone del campo e colpisce anche un incrocio dei pali con Insigne che non riesce a trovare il suo 18° gol in campionato, per eguagliare il suo record; e ci riesce all’ultimo assalto on un bel controllo al volo e tiri di destro.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Commento alla partita

rfwbs-slide