Seguici su
1606814839090918

Campionati esteri

Partite truccate in Spagna, arrivano le prime condanne

Nove persone sono state condannate per i fatti risalenti alla stagione 2013-14

Tra le squadre coinvolte in questa prima ondata di condanne in Spagna ci sono Betis Siviglia e Osasuna. Il tribunale della Navarra ha condannato 9 persone in quanto hanno condizionato il finale di quella stagione sportiva, provando a truccare il risultato delle partite tra Osasuna-Betis e Betis-Valladolid.

Ben cinque ex dirigenti dell’Osasuna e du ex giocatori del Betis, Amaya e Xavi Torres, tra l’altro ancora in attività in altre squadre sono le persone colpite dalla sentenza di incarcerazione. L’Osasuna, che in quella stagione lottava per non retrocedere, diede ad alcuni giocatori del Betis 650mila euro, per perdere le ultime due partite di quella stagione, ripartiti in 400mila per battere il Valladolid e 250mila per perdere successivamente proprio contro l’Osasuna.

L’ex dirigente dei navarri Angel Vizcay è stato condannato a 8 anni per frode sportiva, appropriazione indebita e falsificazione di conti e documenti. Un anno è la pena inflitta ai due calciatori Amaya e Xavi Torres, ed in aggiunta 900mila euro di multa e due anni di sospensione dal calcio. Miguel Archanco, Juan Antonio Pascual, Jesus Peralta e Sancho Bandres, Cristina Valencia e Albert Nolla sono gli altri nomi coinvolti. Il Betis Siviglia, che era in quella stagione già matematicamente retrocesso, vinse la penultima partita di quel campionato 4-3 contro il Valladolid e perse 2-1 all’ultima giornata contro l’Osasuna, che però terminò la stagione al 18° posto, non riuscendo ad evitare la retrocessione.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Campionati esteri

rfwbs-slide