Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Ora il Tennis trema: dopo Dimitrov anche Coric contrae il virus

Il croato su Twitter rivela di essere positivo al Covid. Aveva giocato all’Adria Tour contro il bulgaro

E adesso il tennis trema, per colpa del coronavirus. Ieri era stato Grigor Dimitrov ad annunciare via social la sua positività al Covid-19. Oggi tocca a Borna Coric, suo avversario nel secondo turno dell’Adria Tour, competizione benefica organizzata dal numero uno del mondo Novak Djokovic.

Il 23enne croato, numero 33 del mondo, ha scritto sul suo profilo Twitter: “Ciao a tutti, voglio informarvi che sono risultato positivo al coronavirus, voglio dire a tutti quelli venuti in contatto con me negli ultimi giorni di farsi fare il test. Sono davvero dispiaciuto per i problemi che posso aver causato. Io sto bene e non ho sintomi. State al sicuro e in salute. Vi voglio bene”.

Dopo la positività di Dimitrov, gli organizzatori del torneo hanno sottoposto 22 persone a tampone, della quali 19 sono risultate negative. Oltre a Coric, gli altri positivi sono il preparatore di Djokovic, l’italiano Marco Panichi, e il coach di Dimitrov, Kristijan Groh. Gli organizzatori hanno fatto sapere: “Tutti e tre rimarranno in isolamento a Zara e seguiranno le istruzioni delle autorità. Faranno un nuovo test tra cinque giorni, se sarà negativo, torneranno a casa, altrimenti verranno prese altre decisioni”. Gli altri giocatori testati e risultati negativi sono stati autorizzati a tornare a casa, ma è stato detto loro di mettersi in auto isolamento.

Nole, saputo di Dimitrov, ha preferito rientrare a Belgrado anziché sottoporsi ai test a Zara: le autorità croate non obbligano gli asintomatici a fare un tampone. Il numero 1 del mondo oggi si è sottoposto al tampone assieme alla sua famiglia e al resto del suo staff. La positività di Dimitrov aveva portato alla cancellazione della finale, tra Djokovic e il russo Rublev. Nole aveva risposto alle critiche sul torneo parlando di situazione pandemica sotto controllo nella zona. Molti spettatori avevano la mascherina, ma il distanziamento tra i giocatori non era stato rispettato. Sotto accusa era finita anche la festa di chiusura torneo in un night club, organizzata dallo stesso Djokovic, in cui i giocatori avevano pensato a tutto tranne che al distanziamento sociale. Aveva partecipato anche Dimitrov, che solo poche ore dopo aveva annunciato la sua positività.

Il secondo annuncio della positività al coronavirus di un tennista in poche ore rischia di trasformarsi in una bufera per l’intero tennis mondiale, che sta provando lentamente a rialzarsi dopo lo stop forzato per pandemia.

Collaboratore - Laurea in Storia, appassionato di Sport

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide