Seguici su

In primo piano

Nick Kyrgios: “Se il tennis non riprende non c’è problema, vado a letto con le mie ammiratrici”

Il tennista australiano si è lasciato andare a una serie di dichiarazioni poco eleganti

Nick Kyrgios, tennista australiano, sempre fuori dagli schemi, è riconosciuto nell’ambiente come il bad boy del tennis. Queste dichiarazioni, lo evidenziano ancora una volta. Non si gioca? Nessun problema, Kyrgios sa come trascorrere il suo tempo libero: passando dei momenti hot con le sue ammiratrici. Il tennista australiano è sempre al centro della cronaca a causa dei suoi atteggiamenti più che per i suoi meriti sportivi. Eppure ha un talento cristallino, si può dire sia il classico giocatore che non sfrutta tutto il suo potenziale a causa dei suoi limiti comportamentali.

“Da quando sono single, di solito faccio sesso con le mie fan ogni settimana. Con la mia fidanzata (la russa  Anna Kalinskaya) non è successo nulla di particolare. Abbiamo semplicemente scelto di seguire percorsi di vita diversi. Sfortunatamente, le cose non hanno funzionato. Comunque, abbiamo dei ricordi divertenti. Quando ho a che fare con delle ragazze dell’est dell’Europa mi verrebbe da dire ‘prenditi metà dei miei guadagni”.

Kyrgios ha raccontato un aneddoto di una partita contro Federer che mette in luce tutto il suo carattere: “Stavo giocando contro Roger, quando mi sono sentito incredibilmente attratto da una ragazza in tribuna. In quel momento ho pensato che fosse davvero un peccato rimanere in campo, avrei potuto chiamarla e invitarla a prendere un drink”.

Non è la prima volta che il tennista australiano si lascia andare a dichiarazioni poco eleganti nei confronti delle donne. L’anno scorso, a Wimbledon, durante la conferenza stampa si rivolse ad una giornalista e le ricordò, davanti a tutti, la serata passata insieme ad un pub . Insomma più che il tennis sembra che Kyrgios abbia in mente ben altro.

Giovanni Frezzetti

LEGGI ANCHE:

I primi 500 tennisti della classifica mondiale riceveranno 4.500 dollari

Il tennista italiano Berrettini: “Bisogna aiutare prima le famiglie e gli ospedali, poi i tennisti”

L’addio di Ratko Rudic

Collaboratore Master in “Giornalismo sportivo”, presso la Gazzetta dello Sport

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide