Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Napoli-Spezia 1-2, la pagella degli azzurri

Lo Spezia espugna il “Maradona” ed è crisi in casa Napoli. Gli azzurri attaccano per tre quarti della partita ma senza personalità e convinzione. Petagna, entrato nella ripresa, l’unico a superare la sufficienza.

Napoli Spezia 1-2, la pagella degli azzurri

La pagella degli azzurriNapoli-Spezia 1-2, la pagella degli azzurri

Lo Spezia espugna il “Maradona” ed è crisi in casa Napoli. Gli azzurri attaccano per tre quarti della partita ma senza personalità e convinzione. Petagna, entrato nella ripresa, l’unico a superare la sufficienza.

 

DIFESA

Ospina 5,5 – Qualche errore commesso con i piedi, ma per il resto se la cava benino anche se non è molto impegnato dagli aquilotti, soprattutto nel primo tempo. Non esce benissimo in occasione del gol del raddoppio.

Di Lorenzo 6 – Fa bene sia la fase difensiva, sia quella propositiva. È suo l’assist per Petagna che realizza il gol del provvisorio vantaggio. Non è reattivo sul pallone respinto dal palo e ripreso da Pobega che realizza la rete della vittoria per lo Spezia.

Manolas 6 – Non gioca una gran partita, ma non commette errori importanti in fase difensiva. Talvolta appare deconcentrato e lento quando c’è da impostare il gioco dalle retrovie.

Maksimovic 5 – Prosegue nella serie di prestazioni negative. Sbaglia molto e a volte in maniera incredibilmente goffa, permettendo agli avversari pericolose incursioni verso la porta difesa da Ospina. In più di un’occasione Nzola gli crea seri grattacapi. Sembra avere la testa da un’altra parte.

Mario Rui 5,5 – Il piede non è preciso come in altre partite, ma è l’unico che cerca di piazzare diversi palloni in area, soprattutto nella ripresa. Non sempre attento nella fase difensiva, come quando si blocca sulla linea di porta senza tentare di intervenire sul rocambolesco gol del definitivo 1-2.

CENTROCAMPO

Fabian Ruiz 5 – Gioca una partita tutto sommato sufficiente, ma merita un voto in meno per l’intervento stupido e inutile in piena area di rigore su un avversario che dà le spalle alla porta e che non rappresenta alcun pericolo. Mariani nel vedere il calciatore crollare a terra ci casca e concede il calcio di rigore realizzato da Nzola. (85° Llorente sv).

Bakayoko 6 – Il compitino lo svolge con sufficienza. Sbaglia poco, ma le idee latinano. Si limita a tocchettare con i compagni vicini senza mai tentare un passaggio in profondità o un’apertura dal lato opposto del campo. Un solo tiro verso la porta parato senza difficoltà da Provedel. (76° Lobotka 5,5).

ATTACCO

Politano 5,5 – Gioca solo un tempo durante il quale è condizionato da un lieve infortunio. Prova un paio di incursioni calciando poi in porta dal limite, ma senza la precisione giusta. (53° Petagna 6,5 – Entra subito in partita e impegna Provedel con un bel tiro. Poco dopo realizza il gol dell’1-0 anticipando l’avversario in spaccata a pochi metri dalla porta. Nei minuti finali serve un assist perfetto per Elmas che si divora il gol. Scellerata la scelta di Gattuso di tenerlo fuori e far giocare al suo posto Lozano che punta centrale non è.).

Zielinski 6 – Non è ispirato come contro il Cagliari, ma si impegna comunque a cercare il dialogo con i compagni e a provare qualche tiro dalla distanza. Incomprensibile la sua sostituzione a 15 minuti dalla fine con la squadra protesa in avanti alla ricerca del gol del pareggio. (76° Elmas 5,5).

Insigne 5,5 – S’intestardisce e per lunghi tratti della gara si rivede l’Insigne egoista e un po’ guascone dei tempi passati. Sbaglia un’infinità di tiri, ma l’occasione fallita a pochi minuti dal fischio d’inizio su assist perfetto di Lozano è imbarazzante per un calciatore della sua classe. Tanto impegno, qualche buon servizio in area per i compagni e nulla di più.

Lozano 6 – Fa quello che può in una posizione che notoriamente non gli appartiene. Non crea grossi pericoli a Provedel, ma serve alcuni palloni d’oro ai compagni, come quello ad inizio gara per Insigne che spreca un’occasione gol clamorosa. O come quello servito al centro dell’area nei minuti di recupero, sul quale Llorente ed Elmas improvvisano un esilarante balletto.

Numeri e statistiche del match

LEGGI ANCHE

Al ‘Maradona’ lo Spezia vince, Gattuso vede le streghe

Come si allena questo veleno che manca? Forse con la razionalità

Grafico, Vignettista, Scrittore.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide