Seguici su
1606814839090918

Europa League

Napoli-Spartak Mosca 2-3, la pagella degli azzurri

Il Napoli va subito in vantaggio con Elmas, ma l’espulsione di Mario Rui condiziona il resto della gara. Molti azzurri sotto la sufficienza. Osimhen ancora una volta il migliore in campo.

Napoli-Spartak 2-3, la pagella degli azzurri

Napoli-Spartak 2-3, la pagella degli azzurriNapoli-Spartak Mosca 2-3, la pagella degli azzurri

Il Napoli va subito in vantaggio con Elmas, ma l’espulsione di Mario Rui condiziona il resto della gara. Molti azzurri sotto la sufficienza. Osimhen ancora una volta il migliore in campo.

 

DIFESA

Meret 6 – Non ha responsabilità sui gol subiti, uno dei quali a seguito di una deviazione di Koulibaly. Para bene in tuffo un insidioso tiro dal limite.

Di Lorenzo 6 – Costretto a giocare gran parte della gara fuori ruolo, a sinistra, è normale che compia qualche errore nelle due fasi. Ciò nonostante lotta fino alla fine risolvendo alcune situazioni molto pericolose. È bravo a inizio del primo tempo a servire un assist di testa a Petagna che fallisce di poco il 2-0. Nel finale è suo il passaggio per Osimhen in occasione del 2-3.

Manolas 5,5 – È evidente che deve ritrovare fiducia in se stesso. Soprattutto nel primo tempo la palla sembra che gli scotti tra i piedi, così se ne libera appena può, spesso in maniera imprecisa. Ma bisogna riconoscergli il merito di aver risolto un paio di situazioni complicate. Non ha colpe su nessuno dei tre gol.

Koulibaly 5,5 – Non gioca una gran partita ed è quello che sembra soffrire di più la mancanza di Mario Rui, soprattutto in fase di appoggio. Sbaglia grossolanamente in uscita regalando palla agli avversari che segnano il terzo gol.

Mario Rui 4 – Dopo essere stato protagonista in positivo in questo inizio di stagione, compie un errore imperdonabile quanto inutile, entrando in maniera scomposta su Moses a centrocampo, in scivolata e con il piede alto. Fallo punito dall’arbitro con un cartellino giallo che, su indicazione del Var, si trasforma in rosso. Lascia così i compagni in dieci, rovinando una partita nata bene ma finita malissimo, soprattutto per colpa sua.

CENTROCAMPO

Elmas 6 – A quattordici secondi dal fischio d’inizio è bravo a sbloccare il risultato approfittando di un’uscita sbagliata del portiere su un cross d’Insigne. Sembra essere in buona serata, ma dopo l’espulsione di Mario Rui anche lui si perde nella confusione generale della squadra (82° Ounas 6 – Porta un po’ di freschezza e imprevedibilità sulla fascia destra. Bello il dialogo con Di Lorenzo in occasione del 2-3 che, seppur per pochi minuti, riaccende le speranze).

Fabian Ruiz 5,5 – Soffre troppo l’inferiorità numerica in campo e non riesce a giocare come nelle ultime partite. A due minuti dalla fine ha l’occasione buona per il pareggio nell’area piccola, ma non colpisce bene e la palla va oltre la traversa.

Zielinski 5,5 – Anche lui va in tilt quando la squadra rimane in dieci. Fallisce clamorosamente il gol del 2-0 sparando alto sulla traversa da dentro l’area (46° Anguissa 6 – Spalletti lo manda in campo per dare più peso a centrocampo, ma, pur dando un discreto apporto, le condizioni della partita non gli permettono di emergere come nelle precedenti gare).

ATTACCO

Politano 5 – Dopo un buon inizio, anche lui va in confusione e non combina più nulla di buono. Ha grosse responsabilità sul gol dell’1-1 non riuscendo a contrastare l’incursione in area di Moses (74° Lozano 6 – Gioca poco più di una ventina di minuti mettendoci tanta corsa e impegno. Forse andava cambiato a inizio ripresa).

Petagna 6 – Appare un po’ legnoso e appesantito, ma lavora di fisico sacrificandosi per i compagni. Ha un paio di occasioni, sulla prima ritarda la conclusione, sulla seconda calcia forte ma la palla subisce una deviazione e finisce fuori. È suo il tacco per Politano dal quale nasce l’azione del gol mancata da Zielinski (46°’ Osimhen 7 – Entra e tutto lo Spartak arretra di venti metri preoccupato dalla sua velocità in contropiede. Caufriez per fermarlo è costretto al fallo che gli procura il secondo giallo e l’espulsione. È un pericolo costante per gli avversari su ogni lancio lungo, ma il gol della speranza lo realizza calciando a pochi metri dalla porta su assist perfetto di Di Lorenzo.

Insigne 6,5 – Pronti, via… Da un suo taglio nel centro dell’area nasce il gol di Elmas dopo pochissimi secondi. Si distingue per alcune giocate di gran classe, ma il mister decide di sacrificarlo per fare entrare un terzino al posto di Mario Rui (41° Malcuit 4,5 – Gioca poco più di un tempo, ma della sua presenza in campo nessuno se ne accorge, né i compagni né, soprattutto, gli avversari. In più la sua entrata costringe Di Lorenzo a cambiare fascia, causandogli maggiori difficoltà. Con il senno di poi sarebbe stato meglio fare entrare Juan Jesus, più abituato a giocare sulla sinistra).

Numeri e statistiche del match

LEGGI ANCHE

Un attimo di follia di Mario Rui, un’ora di follia dell’arbitro Kruzliak

 

Grafico, vignettista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Europa League

rfwbs-slide