Seguici su
1606814839090918

Calciomercato

Napoli, se ci sei batti un colpo, anzi due…

È impensabile attendere che siano prima venduti i vari giovani in esubero per poi procedere con gli acquisti. Non c’è più tempo e il rischio di restare con il fatidico cerino in mano è altissimo…

Napoli, se ci sei batti un colpo, anzi due...
Il nuovo Napoli di Spalletti

Per ingrandire cliccare sull’immagine

Napoli, se ci sei batti un colpo, anzi tre…

De Laurentiis è intervenuto al convegno “La Banca di comunità: la BCC Roma al servizio delle famiglie e delle piccole imprese”. Eludendo le domande sul calciomercato, ha svelato che a brevissimo avrà un incontro con Spalletti per discutere sia delle trattative in entrata, sia di quelle in uscita: “Scusatemi – ha detto rivolgendosi ai cronisti e alla platea – ma devo raggiungere Spalletti perché io domani ritorno a Roma e dobbiamo parlare di innumerevoli problemi. Il mercato è aperto sia in uscita che in entrata. Abbiamo pochi giorni. Chi c’è c’è e chi non c’è non c’è e a settembre si parte fino alla fine”.

La fretta del Presidente è comprensibile, visto che le altre big del campionato hanno già concluso diversi colpi importanti. Mancando appena dieci giorni all’inizio del campionato di Serie A, De Laurentiis sa che urge accelerare i tempi, vendere chi non rientra nei piani del tecnico e acquistare quei calciatori che rendano la rosa competitiva.

Auspicando quindi che nessuno dei big parta, bisognerà darsi da fare per colmare almeno le due caselle al momento vuote: un forte terzino sinistro titolare (Emerson Palmieri?) e un mediano all’altezza (Berge?). Spalletti, infatti, disponendo di tre terzini destri, potrebbe sopperire alla partenza di Maksimivic impiegando alla bisogna Di Lorenzo nel ruolo di centrale difensivo. Con due colpi mirati e confermando tutti gli altri, di sicuro Spalletti sarà soddisfatto e, come promesso, potrà giocarsela per i primi quattro posti. È quindi impensabile attendere che siano prima venduti i vari giovani in esubero per poi procedere con gli acquisti. Non c’è più tempo e il rischio di restare con il fatidico cerino in mano è altissimo…

LEGGI ANCHE

Guerra nel calcio spagnolo. Perez fa causa alla Liga e a Cvc

Un capitano, c’è solo un capitano, Insigne sorride ma resta una pedina di un gioco al rialzo

Grafico, vignettista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Calciomercato

rfwbs-slide