Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Napoli percorso netto per vincere la guerra

In tanti attendono che si spenga la luce del Napoli che sta illuminando il campionato

Pare che siano in fila i maggiori top club d’Europa per capire come poter arrivare a Victor Osimhen: PSG, Chelsea, United e Real Madrid potrebbero sferrare l’attacco a fine stagione; intanto Osimhen  si contende con Benzema il primato di 6 reti in un settembre d’oro.  Eppure, appena nel marzo scorso Mario Sconcerti nel corso  del Bello del calcio su Canale 21 a proposito di Victor Osimhen disse: “Cos’è Osimhen? Il mio giudizio è che ha doti fisiche, ma che non sa giocare a calcio. Può darsi imparerà, ma per me non sa giocare a calcio. E’ un giudizio tranciante, ma sono 40 anni che sono chiamato a dare giudizi. Il giocatore c’è, ma non sa giocare a calcio”.

Che fosse un diamante grezzo, era evidente, né oggi risplende ancora in tutta la sua purezza: tuttavia sentenziare “non sa giocare a calcio” resta una perla nera da nascondere. Bene fa il Napoli comunque a smorzare gli entusiasmi perché in tanti aspettano le notti in albergo per interrompere la luce. Ma c’è un Insigne più consapevole guidato da un fine dicitore come Spalletti che non solo a parole dice “piedi a terra” perché a trent’anni non si accontenta di battaglie vinte e guerra persa. A 4 reti da quelle di Maradona, 400 presenze, tiraggiro sulla Treccani, riconosciuto dai napoletani “c’è solo un capitano”, vuole capitalizzare. Venezia, Genoa, Juventus, Udinese, Sampdoria, Cagliari: percorso netto. Ma l’obiettivo è lontano e lui vuole arrivarci con la “sua” squadra guidato da Luciano Spalletti che è entrato dentro questa squadra.

Prossimo ostacolo? C’è la sferrare l’attacco all’Europa League e con lo Soartak Mosca non si può sbagliare. Spalletti conosce quel calcio e quella mentalità e Insigne vuol capire come e dove colpire. Poi, tre giorni dopo si andrà a Firenze che sempre ha lasciato qualche tossina. Ma stavolta c’è molta prudenza e il timore di perdere la direzione anche perché i “salotti buoni” attendono soltanto qualche passo falso. Ancora Sconcerti: “Vedremo se avanti sarà ancora così”.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide