Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Napoli – Cagliari; Spalletti – Mazzarri una sfida che stuzzica

Mazzarri al Maradona magari con il rimpianto di aver voluto provare l’ebbrezza di guidare un top club di nome Inter che nella classifica Ranking segue distaccata il Napoli.

2010 – Cagliari – Napoli al 93° era ancora inchiodato sullo 0-0. Carlo Alvino in telecronaca del tifoso Sky racconta della punizione dal limite per il Cagliari: Biondini serve Naingollan e il suo tiro viene respinto. Carlo Alvino implora l’arbitro Rocchi: “Fischia, fischia” ma sul capovolgimento di fronte, Carlo Alvino implora : “Non fischià, non fischià”:  Cavani lancia in velocità  Lavezzi che fulmina Agazzi con una gran botta di destro. E il Napoli sfata il tabù Sant’Elia. Un boato nei vicoli di Napoli con botti sparati quà e là. Poi più volte il Cagliari ha beffato il Napoli sia all’epoca di Ancelotti che di Gattuso: ma in quel caso con  prestazioni da tre in pagella per gli arbitri che determinarono il risultato.

Ma quella è storia, dunque è il passato e il Napoli di Spalletti si presenterà questa sera di fronte al suo pubblico che vuole far sentire la sua voce, vuol lavorare insieme ai giocatori e sudare la maglietta come loro

Mazzarri sentirà forse un pizzico di magone nel ricordo di quelle stagioni e forse anche con il rimpianto di aver voluto provare l’ebbrezza di guidare un top club di nome Inter che nella classifica Ranking segue distaccata il Napoli. Ora deve far risalire la china a una squadra ferma a 2 punti  che contro l’Empoli è apparsa disordinata e confusa mentre con la Lazio aveva opposto una giusta grinta e organizzazione. “In otto giorni” – si giustifica – ; e contro il Napoli vuole una risposta dai suoi. Mazzarri sembra orientato a schierare un 4-4-2 con Dalbert e Nandez sulla linea mediana e in attacco Pedro a sostegno di Keita.

Per Spalletti pochi dubbi e pochi cambi con Manolas per Rrahmani (che sta bene dopo aver avuto rassicurazioni mediche) e il solito Lozano/Politano, Elmas/ Zielinski. Particolari insignificanti per gli osservatori, determinanti per Spalletti che valuta la formazione iniziale secondo lo stato di forma dei singoli e l’evoluzione in corso di partita con i cambi a disposizione

 

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide