Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Monte ingaggi: la Juventus risparmia, il Napoli aumenta

Il Napoli aumenta il monte ingaggi per la permanenza di Milik e Llorente

la Juventus resta in testa per monte ingaggi con 236 milioni, ma pur sempre con un calo di 58 milioni; l’Inter, al secondo posto con 150 milioni, registra invece  un aumento di 10 milioni frutto di operazioni di mercato tese ad allungare la rosa secondo le richieste di Conte; al terzo posto la Roma che da un monte ingaggi di 125 milioni è passata a 112. Il Napoli, al 4° posto deve alla permanenza di Milik e Llorente un monte ingaggi in crescita di due milioni, da 103 a 105.

In complesso – come riporta la Gazzetta – la Serie A è passata da una spesa complessiva lorda di un miliardo e 360 milioni della stagione 2019-2020 a un miliardo e 288 milioni di quella 2020-2021. Una riduzione dei costi importante,  quale conseguenza  tangibile dei danni provocati dall’emergenza coronavirus sul calcio nostrano. Era evidente durante la finestra di calciomercato, quanto fossero diverse  dagli anni scorsi le trattative tese ad ottenere prestiti o scambi tecnici con l’esigenza comunque di spalmare le spese. Tra le big, perché tale è diventata l’Atalanta, si registra un lieve incremento nonostante due cessioni importanti quali Kulusevski e Traorè e, da 36 milioni passa a 42,6. Tra le società più “piccole” spicca il Benevento che con i 32 milioni spende più di Udinese, Verona, Crotone e Spezia.

Sarà comunque la storia che il covid permetterà di scrivere a dire se si potranno sottoscrivere ancora  ingaggi da nababbi  o non sarà più giusto investire nelle cantere per mantenere un monte ingaggi più gestibile. La Juventus quest’anno, è stata la prima a tagliare anche se si è fermata a metà dell’opera perché i 31 milioni di Ronaldo diventano pesantissimi. Inoltre un cachet tanto alto ne trascina altri: De Ligt 8 milioni, Dybala 7,3, Rabiot e Ramsey 7 milioni.

Stesso discorso per il Milan con Ibra (39 anni) a 7 milioni e Donnarumma a 6.

Per l’Inter in vetta Lukaku ed Eriksen con 7,5 milioni; Sanchez 7, Vidal 6,5

Nel Napoli non ci sono stati grandi scossoni avendo inserito con un ingaggio top soltanto Osimhen mantenendo Koulibaly: ma se fossero partiti Milik e Llorente, anche il Napoli avrebbe potuto contenere il fardello. L’impressione è che sia già iniziato un ridimensionamento e i tanti svincolati a spasso iniziano a temere.

 

 

Giornalista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide