Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Mike Maignan è stato oggetto di insulti razzisti da parte di un tifoso bianconero

Ennesimo  episodio riprovevole si è verificato prima di Juventus-Milan, posticipo domenicale della quarta giornata di Serie A

Si sono finalmente riaperti gli stadi, si sono ripresi la scena:  un anno di stadi chiusi non è bastato a estinguere la razza inferiore degli scostumati. In un vagone del metrò di Napoli, un paio d’anni fa,  una signora apostrofò un giovane in modo semplice ma efficacissimo: “Nun sì razzista, si str…” E tutti dovrebbero cercare di far capire la grande differenza  che pone costoro ad un livello di sottocultura evidente. Il post su Fb ne è un esempio.

Dunque – si diceva – son tornati gli scostumati ( Treccani: rozzo, maleducato) che già si sono distinti in altri stadi, ma ieri come riferisce Sport Fair,  l’ennesimo  episodio riprovevole si è verificato prima di Juventus-Milan, posticipo domenicale della quarta giornata di Serie A conclusosi con il punteggio di 1-1. A pochi minuti dal fischio iniziale, precisamente nel corso del riscaldamento, Mike Maignan è stato oggetto di insulti razzisti da parte di un tifoso bianconero, ripreso dagli smartphone dei suoi vicini di posto mentre urlava: “Negro, scimmia” al portiere del Milan. Il video è stato poi postato sui social network è ha fatto immediatamente il giro del web, diffondendosi a macchia d’olio e scatenando le reazioni dei tifosi rossoneri e non solo. Gli ispettori federali presenti all’Allianz Stadium è difficile che abbiano sentito l’urlo di un singolo tifoso, ma le immagini postate in rete potrebbero essere utilizzate per chiudere il settore dello stadio da cui gli insulti son partiti. Una sanzione ricevuta già in passato dalla curva della Juventus, chiusa nell’ottobre 2018 per i cori indirizzati a Koulibaly, che potrebbe adesso ripetersi se la Procura Federale deciderà di intervenire.

Molto più estesi invece a Udine, gli insulti dei rozzi maleducati che insistono con l’invocazione al Vesuvio: bellezza a loro negata.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide