Seguici su
1606814839090918

Editoriale

Mertens e De Laurentiis non s’incontrano

Mertens, sin da dicembre corteggiava il Presidente, ma sin da dicembre sapeva anche che tutti i club d’Italia stanno pagando un dazio al Covid.

Mertens e De Laurentiis come il gatto e il topo, o almeno Mertens sembra cercare De Laurentiis e poi al momento buono scompare. E’ arrivato a Capri dopo una prima parte di vacanze tra Ibiza e Belgio e sembrava aspettasse il ritorno del presidente da Los Angeles per una chiacchierata senza email o WhatsApp che nella società tecnologica hanno distrutto le migliori amicizie. E poi si scopre che è in (ri)partenza per Ibiza.

I tifosi sembrano molto arrabbiati con il Presidente che non ascolta le richieste del belga che ama Napoli e vorrebbe far crescere Ciro-Romeo a Palazzo Donn’Anna . I tifosi amano un giocoliere come il folletto che s’inventa magie d’autore e che sa vivere tra la gente di Napoli come uno scugnizzo cresciuto tra i vicoli di Toledo. Eppure Dries Mertens, sin da dicembre corteggiava il Presidente ribadendo che avrebbe voluto chiudere la sua carriera in azzurro, ma sin da dicembre sapeva anche che tutti i club d’Italia stanno pagando un dazio al Covid. Non soltanto il Napoli tende a ridurre gli ingaggi e non soltanto in Italia i bilanci piangono. A Genova Fabio Quagliarella ha accettato un ingaggio di 500mila euro pur di continuare a giocare. Mertens ha 4 anni e mezzo in meno e potrebbe pur dire sì ad un ingaggio di 1,5 milione, restare a Napoli, vivere a Palazzo Donn’Anna e far crescere Ciro in un paradiso terrestre.

Foto twitter youssef tarchoun

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in Editoriale

rfwbs-slide