Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Mario Gila non completa le visite mediche e Sarri dovrà attendere

Dalla società non è arrivata alcuna comunicazione ufficiale. Il timore però che possa trattarsi di positività al Covid c’è.

Parte con l’handicap l’avventura di Mario Gila con la Lazio. Come informa Calciomercato.com, il difensore, sbarcato ieri a Fiumicino,  si è presentato oggi in Paideia per le visite mediche, ma dopo  poco tempo dal suo arrivo in clinica il ragazzo è stato rimandato a casa.

TIMORI – Dalla società non è arrivata alcuna comunicazione ufficiale. Il timore però che possa trattarsi di positività al Covid c’è. Lo spagnolo, in ogni caso, al suo arrivo non mostrava segni evidenti di stato influenzale. Era sorridente e ha anche firmato qualche maglia e qualche sciarpa alla manciata di tifosi che lo attendevano fuori dalla clinica. Qualcuno si è anche scattato un selfie con lui, prima che varcasse la porta. Una volta dentro, il protocollo delle visite dei giocatori prevede per tutti un tampone. Sul risultato di quello di oggi del centrale ex Real Madrid non ci sono state conferme, ma col passare delle ore, le paure crescono.

NIENTE AURONZO – Il calciatore era atteso oggi nel ritiro di Auronzo. Di sicuro non arriverà, non avendo svolto le visite di idoneità sportiva. Qualora fosse confermata la positività al Covid, anche eventualmente rimanendo asintomatico, prima di partire dovrebbe comunque attendere di negativizzarsi. La speranza è quella di non vederlo costretto a saltare molti giorni del ritiro. Sarri avrebbe voluto iniziare da subito a lavorare con i nuovi elementi del reparto arretrato. Soprattutto per un elemento giovane, proveniente dall’estero, sarebbe stato importante poter entrare da subito nei meccanismi di gioco. A quanto pare il tecnico toscano dovrà rivedere i suoi piani.

Ma, precisa TMW,  l’affare condotto da Igli Tare non è comunque in discussione, col difensore  arrivato dal Real Madrid che andrà a rimpolpare la scarna linea arretrata di Maurizio Sarri. Centrale di buona fisicità e tempismo nell’intervento, con le sue 73 presenze, nel Castilla di Raul è diventato una vera e propria colonna della seconda squadra dei Blancos

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide