Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Luciano Spalletti: ” In un ambiente come quello di Napoli, ti senti assediato dall’amore”

“Primi in classifica? “La posizione cambia poco, conta il calcio che gioca la squadra”

Dallo studio Sky piovono domande a Luciano Spalletti che in pochi mesi ha fatto suo questo Napoli: “In un ambiente come quello di Napoli, dove i tifosi si alimentano del bel gioco della squadra ti senti assediato dall’amore. Questo da una mano importante. Poi sul piano statistico mi pare mi sia già successo, ma se non ci costruisci un futuro serve a poco. I ragazzi oggi hanno fatto una grande partita, da squadra che sa dove vuole andare”.

E’ stato quest’incontro felice che ha creato l’habitat ideale per credere in ciò che si fa: a Udine si rischiava ma c’era anche fiducia: “C’erano stati segnali importanti contro il Leicester quando la squadra aveva dimostrato di prendere possesso delle proprie qualità. Si è vista una squadra vera in campo. I calciatori hanno determinato con le proprie giocate e fanno la differenza, ma se alla base di tutto c’è la squadra arrivano prestazioni come oggi”.

Con Koulibaly e Fabian tra i migliori: “Possono essere valutazioni corrette. Kalidou quando va in attacco poi crea danni ogni volte con la sua grande personalità. Fabian si è ammorbidito sul 3-0, ma fino a quel momento ha mosso il pallone come solo chi ha la sua classe ed è padrone del ruolo. Lui in quel ruolo ci può stare alla grande”.

Stupisce vedere che il Napoli non ha subito tiri in porta: “”Dipende da come costruisci il fatto di difendersi meno. Ad inizio partita l’Udinese è stata minacciosa nei primi minuti diverse volte. Noi ci siamo abbassati e noi non riuscivamo a prendere possesso del gioco. Passati quei 20′ è stato tutto più facile”.

Dieci punti di distacco dalla Juventus: “Il nostro riferimento non sono le altre squadre, ma la storia di questo club che ha vinto il campionato in passato. La Juventus e anche le altre che invece sono in testa insieme a noi sono squadre forti. Aggiungo alle solite sette ci aggiunto anche la Fiorentina che finora ha giocato davvero davvero bene”.

Come ci si sente da primi in classifica? “La posizione cambia poco, conta il calcio che gioca la squadra perchè alla lunga altrimenti diventa difficile andare a fare certi discorsi. Quello che ha fatto vedere stasera la squadra è un buon segnale, se riusciremo a dargli seguito si potranno fare discorsi differenti”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide