Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Lozano e Insigne: primi indizi di uomini guida

TWM ha proposto La Top 100 , stilata in base alle medie voto assegnate ai calciatori dalle pagelle di tuttomercatoweb.com

LA TOP 11  – Brevissima la sosta invernale della serie A che domenica 3 gennaio riprenderà con la 15esima giornata. In un campionato diverso da tutti gli altri, anche le prestazioni sono apparse talvolta altalenanti, ma a questo punto si possono trarre le prime indicazioni sugli uomini-guida di ciascuna squadra.TWM ha proposto La Top 100 , stilata in base alle medie voto assegnate ai calciatori dalle pagelle di tuttomercatoweb.com, fra coloro che abbiano preso voto in almeno 6 partite e la classifica ha dato questi risultati: al primo posto regna indisturbato Ibrahimovic (7,5); al secondo posto Ronaldo (6,75), seguono Sanchez, Lukaku, Muriel, Silvestri, Gomez, e all’8° posto c’è Hirving Lozano con 6,57 e al 12esimo posto Lorenzo Insigne.

INSIGNE E LOZANO –  Staccati di poco gli azzurri testimoniano tuttavia che realmente, nel Napoli 2020/21 sono quelli che hanno inciso di più. Insigne è diventato un capitano a tutto tondo che si è immedesimato nella maglia azzurra, è diventato l’uomo simbolo, è diventato “la maglietta” che indossa e ha dato un’anima e un corpo al 24. Non era più il ragazzino al servizio di Cavani, né di Higuain e  dall’infortunio di Milik, con Mertens al centro e Callejon a destra aveva iniziato il secondo percorso della sua carriera di cui parlano ancora tutti i commentatori ricordando i “tagli” perfetti per lo spagnolo che a Firenze ha perso la strada. Ora con il nuovo modulo, Lorenzo Insigne, a 29 anni, ha iniziato il terzo percorso in cui è diventato il punto di riferimento: un po’ quello che era stato Hamsik fin quando è rimasto al Napoli. Un lavoro sfiancante che non gli ha però impedito di pennellare dei gol maradoniani.

Lozano non è più una crisalide ed è diventato un furetto alla Lavezzi che può decidere una partita. Con tenacia e pazienza, pur considerando i 45 milioni del cartellino, la società l’ha aspettato diventando il giocatore azzurro che subisce più falli nel momento in cui ruba la palla e s’invola.

L’auspicio è comunque che non diventino indispensabili alla manovra azzurra se dal 3 gennaio si andranno ad affrontare 8 partite in 28 giorni (dal 3 al 31 gennaio) tra cui la Supercoppa con la Juventus con l’incognita della partita da recuperare dopo la sentenza del Collegio di Garanzia del Coni. Il turnover quasi non esiste con la regola dei 5 cambi possibili e ci sarà da lavorare perchè un Politano diventi un giocatore più affidabile e meno altalenante com’è stato finora; e lo stesso Elmas, nel passato a tappare l’assenza di Insigne, trovi più concretezza.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide