Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Lobotka: “Soddisfatto del mio campionato e di Gattuso che ci fa migliorare”

Le parole del centrocampista slovacco sulla sua avventura a Napoli e sul futuro in azzurro

Stanislav Lobotka, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Denník Sport, mentre si trova in vacanza in Slovacchia allenandosi con un personal trainer per la prossima stagione. Questa la sua considerazione sul campionato del Napoli appena concluso:

Ho avuto un’esperienza interessante. La stagione è durata più di quanto siamo abituati. Non potevo andare in Slovacchia e prendermi una pausa. Quindi non c’è tempo per una lunga vacanza. All’inizio non ho avuto molte possibilità a Napoli. Quando è arrivata la crisi Covid è stato ancora più difficile, perché non ci siamo allenati per due mesi e mezzo. Abbiamo fatto una lunga preparazione e dopo la ripresa di campionato in Serie A abbiamo giocato al ritmo di mercoledì – sabato – mercoledì“.

Poi qualche parola sul mister Gattuso:

Il mister mi ha dato possibilità. Personalmente sono rimasto soddisfatto delle prestazioni e dei minuti ricevuti. Abbiamo vinto la Coppa Italia e sapevamo di avere già la ottenuto la qualificazione all’Europa League. Per la qualificazione in Champions League ci proveremo il prossimo anno. Quest’anno l’Atalanta ha fatto una buona stagione e abbiamo perso dodici punti. Almeno siamo riusciti a vincere la Coppa Italia che ci ha dato tanta gioia. Da quando è arrivato Gattuso, è migliorato il nostro modo di giocare. È una persona dice sempre quello che pensa, basta guardarlo per capire cosa stai combinando. Nella prossima stagione voglio giocare regolarmente ogni partita, anche se so che non sarà facile. È difficile in qualsiasi club, a meno che tu non sia Messi o Ronaldo. Devi affrontare delle sfide nella vita per avanzare“.

In conclusione, Lobotka ha parlato del suo ambientamento nella città di Napoli:

Ha avuto modo di conoscere Napoli, la città, la mentalità, così sarà un po’ più facile la prossima stagione. Sono rimasto affascinato da come vivono il calcio i napoletani. I tifosi sono tatuati con i simboli del club, vivono il calcio, lo prendono sul serio. È un peccato non aver potuto giocare dopo la pausa con il pubblico. Ora si dice che si potrebbe giocare con il 30% della capacità dello stadio, ma è difficile prevedere cosa accadrà”

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide