Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Lo stop della Nazionale, ma il Napoli guarda al campionato

Tutti parlano di scudetto ma Spalletti dice: “La squadra ha anche dei difetti e sulle palle di nessuno noi ne portiamo a casa troppe poche rispetto agli avversari.”

I tifosi partenopei vorrebbero restare nell’atmosfera fatata del campionato leggendo e rileggendo la classifica; invece bussa alla porta la Nazionale per la competizione più inutile in Europa che poco è compresa dal pubblico e dai club. Serviva per dar vita alle amichevoli e si è costruito un castello di sabbia che impegnerà l’Italia domani nella semifinale con la Spagna e domenica 10 nella finale o nella disputa per il terzo o quarto posto. Si vince la Coppa e la Federazione incasserà qualche milioncino come il Portogallo nell’ultima finale vinta.  Il 17  ottobre si torna in campionato e per il 12 e 15  novembre un’altra sosta per la qualificazione ai Mondiali.

E allora Luciano definito Spallettone da un pimpante Mourinho che aspetta il Napoli il 24 ottobre col sorriso sulle labbra e qualche amuleto portoghese tra le mani, Lucianone – si diceva – ritroverà domani  tutti i giocatori non convocati tra i quali Fabian e Mario Rui che potranno finalmente rifiatare, mentre Mertens e Ghoulam potranno completare la preparazione. Per Spalletti sono risorse che si riveleranno preziosissime in vista di un fine novembre da paura.

Dopo la sosta di novembre, il Napoli giocherà a San Siro domenica 21 contro l’Inter ,  il mercoledì 24 allo Stadio Spartak, la domenica 28 al Maradona contro la Lazio e il mercoledì 1° dicembre a Sassuolo. Mertens, Ghoulam, Juan Jesus, Lobotka saranno le risorse cui Spaletti potrà attingere senza contare Zanoli che accumula esperienza e freddezza.

Intanto a Sky Sport ricordano che il Napoli 2021/22 è la nona squadra in assoluto nella storia della Serie A ad arrivare a punteggio pieno dopo le prime sette giornate e  5 volte su 8 la capolista ha poi vinto lo scudetto. Ma il tecnico di Certaldo non vuol sentir parlare di scudetto: “La squadra ha anche dei difetti, in alcune fasi di gioco perdiamo troppi duelli. Dobbiamo migliorare nella fase di nessuno, quando la palla è per aria, sulle palle di nessuno noi ne portiamo a casa troppe poche rispetto agli avversari. Quella fase lì è importante allo stesso modo della fase attiva e passiva, ci sono dei rimbalzi su cui bisogna lottare col duello fisico”.

Spalletti non ha una squadra perfetta, Koulibaly non è contento perché il Napoli ha preso gol; Insigne “ne aveva ancora”.  Così mentre piovono lodi dai salotti buoni in attesa del crollo, il Napoli non si bea dei risultati, né della classifica. Vuole di più.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide