Seguici su
1606814839090918

In primo piano

L’avvocato dei calciatori del Napoli sul caso multe: “Situazione in standby. Il clima è migliorato”

Massimo Diana, avvocato di Mertens, Zielinski, Lozano, Milik e Manolas, ha parlato della questione multe

A Radio Marte, alla trasmissione Si gonfia la rete, è intervenuto Massimo Diana, avvocato che assiste nella causa con il Napoli non solo Manolas e Lozano ma anche Mertens, Milik e Zielinski. Il legale ha parlato quindi del famoso ammutinamento e della questione multe:

“Siamo in standby. Nel ciclismo si direbbe in surplace. Il clima sembra essere migliorato. La squadra si è sicuramente riconciliata con la proprietà con le ultime prestazioni positive rispetto ai mesi bui in cui questi procedimenti sono stati avviati. Ora è tutto un altro andare. Quanto ha inciso Gattuso? Sicuramente molto sui risultati, che sono la migliore medicina. La vittoria della Coppa Italia è un successo per la squadra e per la società”.

L’avvocato, ha parlato anche della questione diritti d’immagine e di quanto possa incidere sui rinnovi dei contratti:

“Bisognerebbe distingue tra giocatori che non hanno sottoscritto contratti per i diritti d’immagine con la società e quelli che l’hanno fatto. Per quanto ne sappia, quasi tutti hanno i contratti di immagine. In caso contrario, il termine di prescrizione è 5 anni. Se invece c’è un contratto che regola tali diritti e doveri, allora il tempo è addirittura di 10 anni, un termine quasi da era geologica”

Infine, qualche parola su Lozano: il messicano resta o va via?

“Io sono l’ultimo che lo sa, lui ha un agente fin troppo abile a decidere del destino dei giocatori. Calciatori che cambiano agenti? A volte fa dispiacere. I calciatori hanno tutto il diritto di cambiare agenti, poi ovviamente esiste il dispiacere di veder andare via il giocatore, si parla di sentimenti, e non di ambito giuridico”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide