Seguici su
1606814839090918

In primo piano

“La psicologa in-forma”: Un modo sleale per vincere – il doping

Nel mondo dello sport, spesso gli atleti mettono a rischio la propria salute facendo uso di doping

Doping significa usare sostanze illecite per essere più in forma e vincere, così, una gara. Questi atleti scelgono una strada sleale per migliorare le proprie prestazioni e per arrivare in vetta alle classifiche, abbandonando i puri ideali sportivi. Il doping spinge il fisico dell’atleta al di là dei suoi limiti, ma al tempo stesso arreca gravi danni alla salute. Infatti, è severamente vietato dai regolamenti sportivi, ma, nonostante ciò, è comunque molto diffuso. Sempre più spesso gli atleti vengono sottoposti a test per verificare che non abbiano fatto uso di sostanze illecite.

Le sostanze attive che circolano negli ambienti sportivi possono essere farmaci non vietati per doping ma utilizzati per scopi differenti da quelli autorizzati, farmaci vietati per doping (anfetamine, steroidi, cocaina o caffeina) e integratori (sali o vitamine).  

Il doping, rispetto alla tossicodipendenza, crea prevalentemente una dipendenza psicologica: l’atleta assume una sostanza per eccellere, per ridurre il senso di fatica, i dolori muscolari e il peso corporeo, per aumentare la massa muscolare, per ottenere la massima forza fisica e per raggiungere la perfezione in una gara.

L’utilizzo del farmaco avviene con estrema superficialità e leggerezza, considerato come la strada più facile per raggiungere risultati a cui si potrebbe arrivare con molto allenamento, una sana dieta e un corretto riposo.

Negli ultimi anni si stanno diffondendo dei programmi (gli ATLAS – Athletes Training Learning to Avoid Steroids) che hanno lo scopo di informare gli atleti rispetto ai danni connessi con l’uso delle sostanze dopanti e di fornire delle adeguate strategie fisiche e alimentari che possano condurre ad ottimi risultati nelle prestazioni. In questo modo, gli atleti potranno possedere una migliore conoscenza sugli effetti del doping, con una consapevolezza maggiore del rischio di dipendenza. Oltre a ciò, è stato installato un numero verde anti-doping (800 896970) come forma di prevenzione. Chiamando questo numero si possono ricevere informazioni dettagliate sugli effetti nocivi che il doping provoca.

Collaboratrice - Psicologa e Criminologa

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide