Seguici su
1606814839090918

In primo piano

“La psicologa in-forma”: Cinque consigli per godersi al meglio una vacanza di coppia

Ecco cinque semplici consigli per rendere speciale una vacanza a due, senza rischiare momenti di crisi

In vacanza, tutte le coppie rischiano di attraversare momenti critici, che si tratti di una relazione stabile o di una coppia acerba. Anche le coppie più mature,
e affiatate, infatti, possono andare in crisi. Mare o montagna, da soli o con amici, aereo o treno: questi dubbi possono creare confusione e rischiare di
rovinare i giorni di vacanza, se non addirittura il rapporto di coppia. Bisogna, perciò, scendere a compromessi e cercare di accontentarsi reciprocamente.

Ecco un piccolo vademecum che possa guidare le coppie all’insegna di una vacanza il più serena e rilassante possibile.

1. Prima di organizzare la vostra vacanza, mettete tutto in chiaro con il vostro partner, in modo che nessuno dei due abbia qualcosa da recriminare.
E’ importante esprimere sin da subito le proprie intenzioni e le proprie frustrazioni, chiarendo la propria situazione personale e il proprio stato d’animo, il proprio livello di stanchezza e di stress prima di partire.

2. La vacanza dovrebbe essere un momento di distacco totale per allontanare la solita routine. Dobbiamo cercare di lasciare a casa noi stessi, con tutti i nostri meccanismi e le nostre abitudini. Proviamo a trovare nuovi equilibri, sperimentare caratteristiche di noi stessi di cui non eravamo a conoscenza. Cerchiamo anche di abbandonare internet e i social, per disintossicarci completamente dallo stress quotidiano e ritagliarci un momento unico con il nostro partner.

3. Prima di scegliere se partire da soli o con gli amici sarebbe opportuno riflettere sul livello di stress della coppia. Se durante l’anno non ci sono stati
momenti di intimità o di condivisione, partire con degli amici potrebbe amplificare quel senso di non essere abbastanza per il proprio partner.
In questi casi, è meglio organizzare una vacanza di coppia, per ritrovare se stessi e la sintonia con l’altro. Se la coppia vive un momento
di affiatamento, senza particolari problemi, può vivere una vacanza in compagnia.

4. La vacanza deve essere anche un modo per dare maggiore centralità alla sessualità. Essere 24 ore su 24 a contatto e avere più tempo libero a disposizione, può essere lo stimolo per ritagliare più spazi per il sesso con il proprio partner. Ciò, però, non significa forzare le cose in modo rigido, ma vivere questi giorni estivi come una possibilità per ritrovarsi. Anche se si viaggia con i figli è importante avere dei momenti di intimità.

5. Partire separati può essere nocivo? Non è detto. Quando si sente parlare di vacanze separate si pensa immediatamente che la coppia sia in crisi.
Le separazioni nella coppia possono costituire una grande opportunità di costruzione e di forza. Funzionano, però, quando non ci sono particolari
ansie e gelosie. Se le coppie non hanno questo tipo di problemi, fare vacanze separati può essere molto sano, soprattutto quando gli interessi non
coincidono. Limitare l’altro per i propri interessi potrebbe risultare soffocante. Rispettare le passioni dell’altro è sinonimo di grande maturità della coppia.

Se, però, il tempo intero della vacanza è dedicato soltanto a se stessi, si rischia di aumentare il livello di disagio nella coppia. Bisogna, quindi,
analizzare le motivazioni di questa necessità e capire le loro radici.

Collaboratrice - Psicologa e Criminologa

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Marina Marino

    13/09/2020 at 7:19 pm

    Grazie, dottoressa Alessia, per esserci vicina tutto l’anno. Spero abbia trascorso un’estate da ricordare piacevolmente.

    Marina Marino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide