Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Ivan Juric contro tutti: società, direttore sportivo, staff medico

Nessuno ha mai chiesto a Ivan Juric perchè mai abbia accettato la panchina del Toro?

Già a fine agosto Ivan Juric, tecnico del Torino, in conferenza stampa, alla vigilia della sfida di campionato contro la Fiorentina, puntava il dito contro la società di Cairo e a un mercato insoddisfacente: “Non ero a conoscenza di questo clima di austerity, sono sorpreso. Devono arrivare nuovi elementi perché così non andiamo da nessuna parte”.

In questi giorni si parla di caso-Vagnati per i problemi con Juric di cui ha parlato Tuttosport: “ I rapporti tra il direttore sportivo e gli ex allenatori dei granata, da Longo a Giampaolo fino a Nicola, così come Ivan Juric, non sembrano essere particolarmente felici.

“Pensiamo che Juric non lo amerà mai, però possiamo sbagliarci e comunque lavorare assieme non significa anche dover dividere il letto. Al Fila sta seduto in tribuna, da solo: Juric non vuole nessuno tra i piedi durante gli allenamenti, fa così da anni”. Ragioni, precisa TWM,  non solo di mercato con lo stesso Juric che in pubblico ma anche in privato ha criticato sia il presidente che il ds.

Ma non finisce qui, perché Juric attacca anche lo staff medico del Torino con continue frecciate fino al dopo-derby quando ha detto: “Paghiamo anche gli errori della settimana, situazioni che potevamo gestire molto meglio come società. Il recupero degli infortunati? Dobbiamo alzare il livello, quello che ho visto non va bene”.

Il Toro ha da tempo ai box Zaza e Belotti e ha da poco perso Praet e Pjaca e il tecnico non la sta prendendo bene. Già parlando di Izzo, prima del Sassuolo, Juric aveva lanciato l’allarme: “Non riesce a smaltire una botta di due settimane fa. Chiedete al medico”. Poi, su Belotti: “Non riesce nemmeno a corricchiare, sono preoccupato” e “Non so quando recupererà”.

Ed ecco, secondo quanto riportato dall’ANSA, Il Torino sarebbe vicino a cambiare il proprio Responsabile dello staff sanitario, Paolo Minafra, che era giunto sotto la Mole dopo l’addio di Rodolfo Tavana. Minafra, in arrivo dalla Spal, era stato fortemente voluto dall’attuale direttore sportivo Davide Vagnati. Una scelta che arriva a seguito delle dichiarazioni di Ivan Juric che si era lamentato del mancato ritorno in campo dei calciatori entrati in infermeria anche per situazioni non gravi.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide