Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Il silenzio è d’oro ma Lozano non lo sa

Dinanzi ad un caffè offerto da Tommaso negli spogliatoi o le cene con le rispettive compagne si consolida la filosofia di squadra

Dopo l’intervista di Lozano alla Tv messicana in cui l’atleta ha espresso il sogno di giocare in un club più grande, è seguito un post al miele ( Napoli è casa mia, quì sono felice) che non ha smentito quel che aveva detto.  Lozano sogna il Barcellona e già lo scorso anno espresse le sue difficoltà ad ambientarsi: “Ripetevo a mia moglie cosa ci facciamo qui? E per il mio futuro , se dovessi scegliere una squadra in cui mi piacerebbe giocare opterei per il Barcellona”.

Nel post di chiarimento scrive: “ Non è mia intenzione chiarire o ritrattare qualcosa che non ho detto”.   Ed è meglio non approfondire una frase senza senso nella speranza che Lozano legga le parole di Koulibaly e Politano.   Ma in tre anni il buon Chucky che forse sentirà ancora le urla di Gattuso nelle orecchie, non riesce a comunicare con un italiano semplice semplice e appare legittimo che desideri un altro club: perché non si raccomanda al suo potente agente Raiola? Nessuno organizzerebbe un  flash mob, né Spalletti si incatenerebbe ai cancelli di Castel Volturno. Inoltre guadagna 4,5 milioni (6,8 al lordo) e per De Laurentiis   che vuole abbassare il tetto ingaggi sarebbe un regalo a patto che Raiola trovi il superclub pronto a pagare. Un autogol quello di Lozano che stride in questo azzurro.

Il punto di forza del Napoli resta il gruppo e il senso di amicizia che tutti i giocatori riescono a portare fuori dal  campo. Dinanzi ad un caffè offerto da Tommaso negli spogliatoi o le cene con le rispettive compagne si consolida la filosofia di squadra. E fu uno dei segreti del Napoli che vinse il primo scudetto nel  1987, complice Mary Bruscolotti, la moglie dell’ex capitano che accoglieva alla sua tavola scapoli il lunedì e ammogliati il mercoledì con la pasta e patate d’obbligo perché portava bene. In questo Napoli, se Lozano non ha sentito, si chiamano tutti fratè.

 

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide