Seguici su
1606814839090918

In primo piano

 Il nuovo che avanza: Rrahmani e Osimhen in conferenza stampa

Prima conferenza stampa per Victor Osimhen e Amir Rrhamani accompagnati da Cristiano Giuntoli

Prima conferenza stampa di Amir Rrahamani e Victor Osimhen che si sono presentati ai tifosi partenopei con lo stesso entusiasmo con cui sono stati accolti. Domande all’uno e all’altro che son sembrati già integrati nel gruppo, tanto che Osimhen ha detto: “Essere qui è un sogno che si realizza, mi piace giocare come punta, ma posso giocare in qualsiasi ruolo e sono felice di essere a Napoli con compagni fantastici “.  Superati dunque i timori?    “Sì, ero scettico sul’Italia per il razzismo, ma Napoli non è così. Ho visitato la città con i miei occhi ed il mio punto di vista è cambiato, purtroppo il razzismo è ovunque, non sarà un limite per me e sono certo che con l’affetto dei tifosi supererò tutto”. Inoltre ho deciso quando ho parlato con Gattuso e con il presidente: è incredibile e davvero difficile avere l’amore che ho ricevuto da parte loro, per un giovane la mortivazione è fondamentale”. Ti hanno parlato della rivalità con la Juventus?  “Sì, me l’hanno detto, poi ho ricevuto tanti messaggi dai tifosi e mi piace rispondere. Vanno pazzi, io ho intenzione di aiutare la mia squadra e segnare anche contro di loro”.

Con Rrhamani altre domande considerando che ben conosce il campionato italiano e che è stato riconosciuto  come il difensore con più recuperi del campionato. Per questo ti hanno scelto? “Non mi aspettavo questo, sono numeri importanti, favoriti anche da come giocavamo a Verona, ho fatto il mio massimo.  Io sono aggressivo, forte nei duelli aerei, ma anche bassi, queste sono le mie caratteristiche”. Nel Napoli una difesa a 4:  “E’ il secondo anno che ho giocato a 3, poi per il resto ho giocato a 4, anche in Nazionale gioco a 4, non è una cosa nuova per me. Gol? Non ho segnato, ma ho fatto più tiri di tutti i difensori, sono stato un po’ sfortunato… speriamo col Napoli”. Quindi  avendo giocato a 3 puoi agire anche da laterale a 4? “Sì, a Zagabria in Europa League ho giocato come sinistro, a destra sarebbe più facile, posso giocare lì se il tecnico lo chiede ed ha bisogno”.

Non è mancata qualche domanda a Giuntoli, presente in conferenza, sulla visita di Raiola: Mino ha salutato i suoi assistiti, Manolas e Lozano, siamo stati a pranzo insieme. Siamo dell’idea che può fare solo meglio, Rino è contento dell’ultima parte di stagione di Lozano e l’idea è di continuare”.

Ci sono rinnovi in programma dopo Zielinski? “Il mercato ed i rinnovi vanno di pari passo, le richieste di un giocatore sul rinnovo vanno anche in base alle richieste che ha sul mercato. Non a breve, ma vediamo come si svilupperà il mercato”.

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide