Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Il mago Ballardini ha rianimato il Genoa

Ballardini è tornato per la quarta volta sulla panchina del Genoa

Davide Ballardini è arrivato il 21 dicembre subentrando a Rolando Maran, con il Genoa in piena zona retrocessione a 7 punti. Domani affronterà il Napoli in piena fiducia di punti, diventati 21 e in piena fiducia di gioco ritrovato. Destro sembra tornato il ragazzone, grande promessa della Roma, Pandev, vecchio marpione, sempre pronto a entrare e a far male; come questo interessante giovanissimo Czyborra .

Davide Bernardini,  glaciale , lucido, sintetico nelle parole come nel gioco, è tornato al Genoa per la quarta volta in carriera. Dopo Palermo, nel novembre 2010 subentra a Gasperini, finendo il campionato con 51 punti di cui 40 punti dal momento del suo subentro. Preziosi lo liquida a fine anno e Ballardini va a Cagliari ma nel gennaio 2013 subentra a Delneri  ottenendo la salvezza con una giornata d’anticipo. Poi, Bologna, Palermo e, nel novembre 2017 ancora al Genoa subentrando a Juric. Esonerato poi nel settembre 2018, cede la panchina nuovamente a Juric.

Il 21 dicembre, eccolo, per la 4^ volta a rianimare una squadra che sembrava spenta e rassegnata. FrancescoMarroccu, ds del Genoa ha rilasciato un’intervista a Telenord: “Nella mia esperienza cagliaritana, Ballardini salvò un Cagliari che girò a undici punti. Conosco lui e come opera in questo genere di situazioni, e meglio di me lo sapevano al Genoa. È stata una mossa facilissima questa. Vorrei sottolineare che il ritorno di Ballardini ha reso possibile rivitalizzare un intero gruppo di lavoro che lavora da anni al Genoa e rappresenta lo zoccolo duro di lavoro. Mi sembrava una mossa elementare quella del rientro di Ballardini, o di “Zio Balla” come lo chiamano i tifosi“.

Insomma il panorama gialloblù è radicalmente cambiato in poco più d’un mese con quattro vittorie, due pareggi e una sola sconfitta (con il Sassuolo) e con la sconfitta in Coppa Italia contro la Juventus trascinata ai tempi supplementari.

Domani sera il Genoa scenderà in campo forte della sua serenità schierandosi con il solito 3-5-2 e vorrà riscattarsi da quel 6-1 sporcato dal covid: che cosa farà Gattuso con il suo Napoli ancora ammaccato? Come si schiererà? Chi è più in forma? Che dovrà essere tutelato per la gara di mercoledì?

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide