Seguici su
1606814839090918

Formula 1

GP Ungheria: vince ancora Hamilton. Ferrari doppiate

Grande gara del campione del mondo in carica, seguito da Verstappen e Bottas. Vettel sesto e Leclerc undicesimo

Seconda vittoria stagionale per Lewis Hamilton, che sull’Hungaroring mette in scena una gara eccellente. Mai in discussione dall’inizio alla fine della gara, doppia entrambe le Ferrari e chiude con un ampio vantaggio su Verstappen secondo e il compagno di squadra Bottas terzo.

Passo indietro per le Ferrari. Dopo le qualifiche di ieri, che facevano ben sperare per oggi, fatica molto in gara, battagliando con molta difficoltà per conquistare pochi punti iridati, chiudendo con Vettel in sesta posizione e Leclerc addirittura in undicesima.

A sorpresa gara totalmente asciutta. La pioggia, attesa tutto il weekend e data per certa per oggi, non è arrivata nonostante un cielo scuro e minaccioso, costringendo però i piloti in pista ad allungare inutilmente lo stint centrale, in attesa di montare gomme da bagnato. Si parte comunque con asfalto umido, per la pioggia della mattinata, e con tutte le monoposto con gomme intermedie, eccetto le Haas con gomme da asciutto.

Partenza disastrosa per Bottas che sprofonda dalla prima fila in sesta posizione, superato da Stroll, le Ferrari e Verstappen, che dopo aver danneggiato la sospensione anteriore nel giro di formazione, riesce in extremis a partire dalla griglia di partenza.
Appena partiti, tutti subito ai box per montare gomme da asciutto. Leclerc subito fatica molto su gomma rossa, arretrando in ottava posizione, fino al secondo pit stop, colpevolmente in ritardo, distaccando il pilota monegasco definitivamente dalle posizioni di vertice.
A metà gara, appurato che la pioggia non arriverà sull’Hungaroring, tutti i piloti, ormai su gomme usurate, rientrano per il secondo pit stop.
Seconda metà gara abbastanza anonima. Avanti Hamilton, che nel finale si concede anche il terzo pit stop per conquistare il giro veloce, Verstappen, Bottas e Stroll guadagnano sul resto dei piloti, mentre dietro, in un gruppo abbastanza compatto si accendono numerosi duelli fino alla bandiera a scacchi.
Con una vera prova di forza, Hamilton riconquista la vetta della classifica piloti, ai danni del suo compagno di squadra Bottas terzo. Seconda la Red Bull di Max Verstappen. Mercedes così forte da trovarsi i rivali in casa, le Racing point, che chiudono un buon weekend con Perez settimo e un ottimo Stroll in quarta posizione. Seguono all’arrivo Albon quinto, Vettel sesto, Perez settimo, Ricciardo ottavo, Magnussen nono, Sainz decimo e, subito fuori dalla zona punti, la seconda Ferrari di Leclerc.

Gara deludente delle rosse, sotto tutti i punti di vista. Oltre il risultato, evidentemente negativo, delude la strategia, poco reattiva, e la prestazione delle monoposto, ingestibili su gomma rossa e mai competitive, nonostante le novità apportate proprio in questo weekend. Ma a preoccupare ancor di più noi tifosi, però, è l’atteggiamento dei due piloti, quasi arresi ad una sorte che li vede molto lontani dal podio, evidenziando come il secondo posto di Leclerc ormai due settimane fa sia stato, a tutti gli effetti, un vero e proprio colpo di fortuna.

Collaboratore - Dottore in medicina e chirurgia

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Formula 1

rfwbs-slide