Seguici su
1606814839090918

Formula 1

GP Eifel: Hamilton nella storia! Vittoria numero 91 come Schumacher

Trionfo per l’inglese al Nürburgring, su Verstappen secondo e Ricciardo terzo

Hamilton fa la storia: in Germania conquista la vittoria numero 91, eguagliando il numero di vittorie di Michael Schumacher. Lewis bravo, ma anche fortunato, per una vittoria viziata dal ritiro del compagno di squadra Bottas per problemi alla componente ibrida. Secondo Verstappen, l’unico in pista capace di mantenere il ritmo del campione inglese. Ottima prestazione per Ricciardo, terzo, che riporta la Renault sul podio dopo 9 anni. Per la Ferrari ancora un gran premio di sofferenza, chiudendo con Leclerc settimo e Vettel undicesimo, con il rammarico per il monegasco del mancato terzo pit stop nel finale, che gli avrebbe consentito di combattere per le posizioni subito fuori dal podio.

Un weekend all’insegna del freddo e della pioggia, molto intensa soprattutto nella giornata di venerdì, tale da annullare i primi due turni di prove libere e, quindi, il debutto in Formula 1 di Schumacher jr e Illot. Quest’oggi invece la pioggia, attesa durante la prima metà gara, non è arrivata. Oltre al meteo, a stravolgere ulteriormente le strategie dei team quest’oggi è stata certamente una gomma gialla poco prestazionale e la safety car nel finale, portando ad effettuare addirittura 3 pit stop, contro il singolo pit stop previsto nel pregara. Gara bella e solida per Hamilton, mai impensierito da Verstappen secondo, neanche in occasione della ripartenza a 10 giri dal traguardo. Dalla partenza, i protagonisti quest’oggi sono stati i sorpassi, numerosi in staccata di curva 1, e i ritiri, tra cui spiccano quelli di Bottas, che pesa anche in chiave mondiale, di Albon e Norris, tutti per problemi di affidabilità.

Dopo l’uscita di scena di Bottas, il duo Hamilton-Verstappen ha fatto il vuoto alle sue spalle, doppiando quasi tutte le monoposto in gara e guadagnando circa 50 secondi su Ricciardo terzo fino alla safety car, subentrata per la rimozione della McLaren di Norris. Con il gruppo ricompattato, le posizioni di vertice restano immutate, con Hamilton che vince su Verstappen e Ricciardo, mentre alle spalle, Leclerc perde due posizioni chiudendo settimo, a vantaggio di Sainz quinto e Gasly sesto. Buona prestazione quest’oggi per le racing point, con Perez quarto e Hulkenberg, subentrato a Stroll solo nella giornata di venerdì, ottavo, e anche per Giovinazzi, che guadagna un punto iridato per l’Alfa Romeo.

Appuntamento tra due settimane per il GP di Portogallo, che per la prima volta sarà sul tracciato di Portimao per il 12esimo evento stagionale. Con 69 punti di vantaggio su Bottas, e solo altri 6 gran premi in calendario, Hamilton sa benissimo che tra due settimane può quasi definitivamente chiudere la pratica dell’ottavo mondiale e, dopo l’aggancio di quest’oggi, superare definitivamente Michael Schumacher per numero di vittorie in Formula 1, diventando a tutti gli effetti il pilota più vincente della storia.

Collaboratore - Dottore in medicina e chirurgia

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Formula 1

rfwbs-slide