Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Gli azzurri verso la finale: la forza del gruppo

Sono lontani i tempi della triste Nazionale di Ventura. Gli azzurri sotto la guida ferma di Mancini viaggiano uniti e compatti tutti verso un unico obiettivo.

Diciamo la verità, l’Italia di Euro 2020 somiglia a quella di Spagna ’82 e a quella di Germania 2006, ma se in quei casi il gruppo si fortificò per schermarsi da critiche e problemi, l’Italia di Mancini è andata oltre. Quella di Bearzot rispose sul campo a chi ne contestava il gioco non proprio sfavillante, quella di Lippi seppe mantenere i nervi saldi nonostante Calciopoli. Questa volta invece, il comune denominatore è solo il gruppo, ovvero la forza di uno spogliatoio nel quale tutti si sentono protagonisti e remano verso lo stesso obiettivo, vincere l’Europeo.

Roberto Mancini ha creato, dunque, un’atmosfera in grado di sciogliere qualsiasi problematica, un microcosmo dove, magia delle magie, non esistono colori e può capitare di vedere (anche se a noi tifosi azzurri fa ancora un po’ di impressione) un Lorenzo Insigne baciato da un Leonardo Bonucci.

Sono lontani, insomma, i tempi della Nazionale di Ventura e delle liti con i senatori. Questo è un  gruppo saldamente guidato dal CT, in cui, proprio come i moschettieri, sono tutti per uno e uno per tutti e dove non ci sono titolari fissi: ognuno lavora per un obiettivo comune. Una squadra forte e micidiale, non bella da vedersi ma tenace ed instancabile che, piano piano e passo dopo passo, è arrivata fino alla finale.

Giornalista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide