Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Gianluca Rocchi resta il designatore della CAN di Serie A e Serie B

Sarà una stagione complicata e anomala, ma siamo sicuri che l’Aia sia in mano a persone qualificate

Calcio e Finanza – Gianluca Rocchi rimane il designatore della CAN di Serie A e Serie B: lo ha stabilito il Comitato nazionale dell’Aia, valutate le proposte di nomina del presidente Alfredo Trentalange.

Oltre a Rocchi il Comitato Nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri ha nominato: responsabile Can C Maurizio Ciampi; alla Can D Alessandro Pizzi; Responsabile del Settore Tecnico Arbitrale Matteo Simone Trefoloni.

«Poter continuare il lavoro che avevo iniziato non era scontato – ha detto l’ex arbitro Rocchi -. Cercherò di mettere a frutto le esperienze della stagione appena conclusa. Era il mio primo anno da organo tecnico, ho commesso sicuramente qualche errore che, con più esperienza, spero di non ripetere. Ringrazio il mio vecchio gruppo di lavoro e sono contento che la squadra sia stata rinnovata con gli inserimenti di due figure quali Messina e Gava. Farò il tifo per Orsato e la sua squadra che parteciperanno al mondiale. Saranno un traino per tutti noi».

«L’obiettivo è quello di parlare tutti la stessa lingua ed avere i medesimi obiettivi, condividendoli con gli altri – sottolinea il presidente dell’Aia, Alfredo Trentalange. – Questa è una giornata importante perché gli organi tecnici, nuovi e riconfermati, assumono a pieno titolo e con grande responsabilità quello che sarà l’andamento della prossima stagione. Ci sono stati alcuni cambiamenti e abbiamo effettuato un’analisi di quello che si può fare meglio. Desideriamo rivolgere un grande ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato. Consideriamo estremamente importante il fatto che gli organi tecnici lavorino in squadra».

«Sarà una stagione complicata e anomala, ma siamo sicuri che l’Aia sia in mano a persone qualificate – prosegue il numero uno degli arbitri.- Siamo una squadra in cui cerchiamo, ognuno nelle proprie competenza, di dare fiducia ai ragazzi. Sappiamo di essere formatori, oltre che selezionatori, e quindi di avere tutti una grande responsabilità. Il futuro è fatto di condivisione. Dobbiamo essere uniti e tutti seguire le stesse linee guida, da Orsato che ci rappresenterà ai Mondiali all’arbitro dell’ultimo corso. Per essere ricercatori bisogna studiare, allenarsi, aprire canali di comunicazione ed avere un comportamento ineccepibile. In campo bisogna scendere liberi, a mente sgombra, seguendo le indicazioni del proprio Organo Tecnico».

Foto twitter Sportlive

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide