Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Gattuso chiede alla squadra una reazione

Una partita che il Napoli non può sbagliare: con l’Udinese si tenta di voltar pagina

Piotr Zielinski e Alex Meret sono cresciuti calcisticamente nell’Udinese. E’ lì che si sono lanciati nel grande calcio, prima di andare ad emergere altrove. Nel 2011 il valore di mercato di Zielinski era di 100mila euro: un ragazzino che giocava nei giovanissimi dell’Udinese, la squadra che lo ha fatto crescere consegnandolo poi al Napoli nell’agosto del 2016. Così pure Alex Meret dall’under 17, 19 fino al salto in un club di rango a luglio del 2019: si troveranno domenica contro l’Udinese e non potranno concedere ricordi romantici perché il Napoli ha bisogno di rialzare la testa.

Di fronte ci sarà una squadra con tante assenze ma con una stella che brilla in mezzo al campo com’è Rodrigo De Paul che è uno dei pezzi pregiati della Serie A. Il Napoli lo ha a lungo corteggiato ma ora è nelle mire della Juventus e soprattutto dell’Inter che seguono con interesse la situazione del numero dieci, quel 10 consegnato da Di Natale sulle spalle di un argentino, che fa gola però al Liverpool che potrebbe sottrarlo all’una e all’altra per 44 milioni.

Il Napoli andrà a Udine con la coda tra le gambe sapendo che ora il percorso si è fatto più difficile con un’emergenza per infortuni e un’emergenza per nuvole nere in testa. Il Presidente De Laurentiis ha fatto trapelare che per il contratto con Gattuso non ci sono ostacoli e che per il 1° febbraio sarà firmato. Un modo per far intendere piena fiducia nel tecnico finito nel tritacarne dei social dopo la sconfitta con lo Spezia. Ma stavolta, da parte dei tifosi, non si è trattato di criticare un tonfo dopo un’esaltazione, non si è trattato dell’attimo di passaggio dell’altalena dall’alto in basso: Inter, Lazio, Torino, Cagliari, Spezia. La domanda è: “La partita contro il Cagliari è casuale, o sono casuali le altre partite?

La casualità è figlia dell’incertezza e in molti si chiedono se una squadra che mira ad arrivare tra le prime 4 in classifica possa continuare con questa incostanza. Tra l’Udinese e la Fiorentina si dovrà vincere contro L’Empoli perché, da detentori della Coppa Italia, non si può snobbare il trofeo che ci vede ancora in Europa. Subito dopo, la Supercoppa dal sapore speciale soprattutto dopo le vicende nate il 4 ottobre.

Gattuso si è scontrato con i suoi affrontandoli a muso duro, e dopo la sfuriata in serata, ha ripreso a martellare con i video per rimarcare tutti gli errori.  Tuttavia, senza esasperare i toni cercando colpe, sarebbe il caso che anche il tecnico placasse l’impeto che divide l’inerzia dalla foga per affrontare con maggiore razionalità le partite. Le goleade sono una panacea per ogni squadra ma anche un’illusione da cui è più tosto risvegliarsi.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide