Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Finalmente si gioca: Napoli -Atalanta scontro in chiave europea

Le due corazzate a confronto: il Napoli torna in campo dopo 20 giorni e l’Atalanta con 13 giocatori di ritorno dalle nazionali

In conferenza stampa Gian Piero Gasperini ha dichiarato: “ I  giocatori del Napoli non fanno una partita vera da settimane e settimane e questo per noi può essere un vantaggio, anche se avranno avuto più tempo per preparare la gara di domani”.

Per Gattuso, magari, un altro dubbio: “ Con 13 giocatori impegnati in nazionale di cui tre che hanno giocato in Argentina e in Colombia, si potrebbe avvertire stanchezza? Il debutto, mercoledì in Champions potrebbe spostare l’attenzione?

Due argomentazioni valide che però s’infrangerebbero su un pareggio: il Napoli ha un motivo in più per scendere in campo molto arrabbiato perché i giocatori e tutto l’ambiente hanno subito “quella” sconfitta e il punto di penalità come un sopruso. La risposta può darla il gioco e la cattiveria, e Gattuso, per una volta almeno, non avrà dovuto lavorare granchè sulla testa dei suoi che individualmente vorranno l’unica vendetta plausibile, quella sportiva per i 4 punti negati da un giudice, tentando di dimenticare la vittoria negata da un arbitro il 30 ottobre dello scorso anno.

Il Napoli partirà dai 5 punti in classifica in attesa di una sentenza definitiva cui non porre per ora alcuna attenzione. Potrà pesare nelle gambe la mancanza dei 90 minuti, ma potrebbe risultare vincente la possibilità di aver preparato la partita tatticamente in questa evoluzione dal 4-3-3 verso il centrocampo a 2. Bakayoko è arrivato nel momento giusto in cui il ritiro forzato ha consentito uno studio sul campo che diversamente non ci sarebbe stato. Sin dai tempi di Sarri si avvertiva il peso delle gare a ridosso l’una dell’altra che non consentiva lo studio tattico adatto all’avversario. Così, per la gara che si disputerà tra qualche ora, questa pausa potrebbe risultare positiva. Proprio il Napoli, dopo il lockdown, è sceso in campo per la semifinale e la finale di Coppa Italia, carico, concentrato e vincente. Gattuso sembra intenzionato a proporre il centrocampo a 2, ma potrebbe optare per un prudente e collaudato 4-3-3 e in corso di partita variare.

L’Atalanta è una macchina da guerra manovrata da un tecnico che ripropone schemi fissi con poche variabili e scommettere sulla stanchezza dei suoi, significherebbe voler perdere. Insieme con il Napoli, anche l’Atalanta è stata nell’ultima parte di campionato, la più brillante nel gioco e nella tenuta atletica. Dunque, si parte dallo 0-0 e al 90esimo più spiccioli (che spesso valgono l’intera partita), si comincerà a capire gli obiettivi cui possono mirare le due corazzate.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide