Connect with us

Europa League

Europa League, gara di andata dei sedicesimi, vincono Inter e Roma

Con il 2-0 fuori casa l’Inter ipoteca gli ottavi, la Roma vince tra i fischi dell’Olimpico

LUDOGORETS – INTER 0 – 2 ( 71° Eriksen, 90+2 Lukaku rig.)

FORMAZIONI
LUDOGORETS (4-2-3-1): Iliev; Cicinho, Terziev, Grigore, Nedyalkov; Dyakov (67′ Badji), Anicet, Souza (90′ Biton); Marcelinho, Swierczok (76′ Tchibota), Wanderson.
INTER (3-5-2): Padelli; Godin, Ranocchia, D’Ambrosio; Moses (72′ Barella), Vecino, Borja Valero, Eriksen, Biraghi (81′ Young); Sanchez, Lautaro Martinez (64′ Lukaku).
Una brutta Inter vince a Razgrad per 2-0 ed ipoteca la qualificazione agli ottavi. Poco o nulla nel primo tempo, con un paio di occasioni per Biraghi, ma sono gli avversari a schiacciare i nerazzurri nella seconda metà del primo tempo. Nella ripresa l’Inter preme sull’acceleratore e Sanchez, sull’assist di Moses colpisce il legno. Si fa vedere Eriksen che prova nell’angolo ma Iliev salva con un grande intervento . Al 71° però ancora Eriksen con un gran tiro mette a segno l’1-0: l’Inter gestisce il vantaggio e nei minuti di recupero trova il raddoppio su rigore per un fallo di mano di Anicet (confermato dal VAR) e Lukaku dal dischetto trasforma.

ROMA – GENT 1 – 0 (13° Carles Perez)

FORMAZIONI
ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola (69′ Santon), Fazio, Smalling, Kolarov; Veretout, Cristante; Perez, Pellegrini (79′ Mkhitaryan), Perotti (81′ Kluivert); Dzeko.
GENT (4-3-1-2): Kaminski; Lustig, Plastun, Ngadeu, Mohammadi; Kums (90′ Marreh), Owusu, Odjidja; Bezus (74′ Chakvetadze); Depoitre, David.
La Roma si aggiudica la gara d’andata dei sedicesimi non senza problemi contro una squadra non proprio irresistibile. Fonseca schiera per la prima volta titolare il nuovo arrivo dal mercato di gennaio, Carles Perez che al 13° sblocca il risultato sfruttando un assist di Dzeko. Con buon ritmo gli uomini di Fonseca giungono al termine del primo tempo gestendo la gara con autorevolezza. Ma la Roma nel secondo tempo cambia ritmo, cambia atteggiamento, cambia concentrazione: la squadra si abbassa e il Gent si rende più volte pericolosa. Arriva finalmente il triplice fischio e una vittoria, dopo tre sconfitte in campionato, che può solo rinfrancare. Per Fonseca: “Oggi di buono c’è solo il risultato, ma era importante vincere e non prendere gol.”

Diana Miraglia

Giornalista.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

Advertisement

Da leggere

More in Europa League

rfwbs-slide