Seguici su
1606814839090918

Calciomercato

Ecco come evitare un’“overdose” da calciomercato

Quella da calciomercato è una “dipendenza” che induce ad accettare fake di ogni tipo purché assecondino sogni e illusioni di chi le legge

Il calciomercato di Pedullà e Di Marzio

Ecco come evitare un’“overdose” da calciomercato

Con il campionato di calcio fermo, l’argomento che come ogni anno spopola ad agosto, sotto gli ombrelloni, nei bar e nei pochi uffici rimasti aperti, è sempre e solo uno: il calciomercato. Sembra quasi che i tifosi, ovunque si trovino, non riescano a fare a meno di una “dose” giornaliera di notizie pubblicate a ritmo frenetico dai media.

Quella da calciomercato è una “dipendenza” che induce ad accettare, senza alcun filtro critico, fake di ogni tipo purché assecondino sogni e illusioni di chi le legge. E poiché il rischio di “overdose” è dietro l’angolo, di seguito suggeriamo come fare per evitarlo.

Oggigiorno le notizie di mercato vengono propinate un po’ da tutti attraverso programmi televisivi, nelle radio, sui quotidiani o attraverso i social… Ma poiché quelli che le diffondono non sempre sono affidabili, è preferibile seguire solo coloro che, per professionalità, serietà e competenza, si sono meritati l’appellativo di “esperti di calciomercato”. Tra questi ve ne suggeriamo due che, a parere di chi scrive, rappresentano quanto di meglio c’è attualmente sul mercato: Alfredo Pedullà e Gianluca Di Marzio. Le loro sono notizie verificate e hanno sempre un fondamento di verità. Se le pubblicano vuol dire che c’è realmente in corso una trattativa, che poi vada a buon fine o meno non dipende certo da loro.

il giornalista sportivo Alfredo PedullàAlfredo Pedullà

Nato a Messina nel 1964 è originario di Reggio Calabria. Si laurea in giurisprudenza, ma sin da giovane si dedica al giornalismo sportivo iniziando a commentare le partite di basket della Viola Reggio Calabria per l’emittente Telereggio. Nel 1989, superato l’esame per diventare giornalista sportivo, si trasferisce a Roma dove lavora sino al 2007 al Corriere dello Sport-Stadio. Dopo varie esperienze televisive e radiofoniche, alle quali partecipa come opinionista fisso, nel 2014 approda a Sportitalia per condurre Speciale Calciomercato e Lo sai che? in coppia con Michele Criscitiello. Sulla stessa emittente, dal settembre 2015, conduce iPed con Gianluigi Longari e Monica Somma; inoltre è ospite fisso a Calcio€Mercato sempre con Criscitiello. Dal 2015 è anche opinionista di radio Bruno Toscana. Nel giugno 2018 torna a collaborare col Corriere dello Sport-Stadio, pur rimanendo a Sportitalia. Ad agosto 2020 firma per la Gazzetta dello Sport.

Per accedere al sito personale di Alfredo Pedullà cliccare QUI.

il giornalista sportivo Gianluca Di MarzioGianluca Di Marzio

Nasce a Castellammare di Stabia nel 1974 in una famiglia in cui il calcio è pane quotidiano. Suo padre, infatti, è Gianni di Marzio, un pezzo di storia del calcio a Napoli. Spesso in giro per l’Italia per seguire il papà, mentre studia Giurisprudenza inizia a collaborare con alcuni giornali e televisioni. A vent’anni entra nella redazione del giornale locale Padova Sport, ma la vera occasione arriva poco dopo quando Triveneta gli affida la trasmissione del lunedì sera Goal Time. La sua carriera prosegue in un’altra emittente, Telenuovo, dove commenta le partite giocate dal Padova. La domenica comincia a fare il corrispondente da Padova per Tele+ e Stream che poi evolveranno in Sky. Nel frattempo si laurea in Giurisprudenza. Ma la vera svolta avviene quando arriva la chiamata di Massimo Corcione, il direttore di Sky. Da quel momento diventa un esperto di calciomercato nonché un bravissimo conduttore di programmi televisivi.

Per accedere al sito personale di Gianluca Di Marzio cliccare QUI.

LEGGI ANCHE:

Everton e Borussia su Allan

Napoli, quanti dubbi in difesa…

 

 

 

Grafico, Vignettista, Scrittore.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Calciomercato

rfwbs-slide