Seguici su
1606814839090918

Europa League

E’ battaglia a Leicester, ma Osimhen regala il pareggio agli azzurri

Il Napoli rimane sorpreso dall’intensità degli inglesi; tante le occasioni sprecate, serve il doppio svantaggio per risvegliare Osimhen: decisivi i cambi di Spalletti

Leicester-Napoli 2-2 (9′ Perez, 64′ Barnes, 69′, 87′ Osimhen)

Altra grande prova di carattere del Napoli di Spalletti a Leicester, nonostante un approccio choc: anche a causa dell’assenza di Mario Rui gli azzurri soffrono l’irruenza del Leicester, capace subito di trovare il vantaggio con Perez. La squadra di Rodgers è mortifera nei contropiedi, senza contare che Di Lorenzo è fuori posizione, Malcuit non garantisce il giusto equilibrio e Rrahmani non è al livello del suo compagno di reparto Koulibaly. Il Napoli nel primo tempo spreca molteplici occasioni, e un salvataggio quasi sulla linea impedisce a Zielinski di trovare il pareggio. Il secondo tempo comincia con il Napoli che attacca, ma subito dopo il gol annullato a Daka trova il raddoppio Barnes. La partita sembra finita, ma i cambi di Spalletti- in particolare l’ingresso in campo di Elmas, Politano, Ounas e Petagna- cambiano la partita; e uno scatenato Osimhen prima scavalca con un pallonetto Schmeichel al termine di una bella triangolazione, e poi riacciuffa il pareggio con un gran colpo di testa, fino ad ora non uno dei migliori colpi del suo repertorio. Sorride Spalletti, perchè il suo Napoli conquista comunque un punto su un campo difficilissimo e addirittura chiudendo la partita all’attacco, dopo l’espulsione di Ndidi: si punta al primo posto del gruppo C di Europa League.

L’irruenza del Leicester, nella fase iniziale, non avrebbe dovuto sorprendere. Invece, il Napoli si perde nella propria metà campo, costretto dalla spinta dell’avversario. Dopo 6 minuti, Ospina deve già salvare, in uscita, su Barnes. Ma nulla può tre minuti più tardi, proprio quando da un cross dell’esterno sinistro di Rodgers, Perez trova la deviazione volante per l’uno a zero. Nell’occasione, Di Lorenzo è fuori posizione, ma è anche fuori ruolo, perché Spalletti lo schiera a sinistra, per l’assenza di Mario Rui. Ma l’esterno della nazionale evidenzia non poche difficoltà nell’agire sulla fascia mancina. Malcuit, invece, è nel suo ruolo, ma fa fatica a contenere gli scatti di Barnes.Intorno alla mezz’ora, il Napoli viene fuori con qualche buona giocata, spesso non concretizzata dai frequenti errori sotto porta. Osimhen  calcia male al 21′, col pallone che finisce alto sulla traversa di Schmeichel ,ed è suo il cross (28′) per Malcuit che spreca tutto solo, calciando alto. La sagra degli errori va avanti. Al 37′ tocca a Zielinski fallire un’opportunità unica, dinanzi al portiere avversario. Ed anche stavolta, l’assist è di Osimhen. Poi, nei minuti di recupero, e Schmeichel a superarsi nel deviare un colpo di testa ravvicinato di Lozano.

Il Napoli rischia subito grosso all’inizio della ripresa. Il Leicester trova il gol del raddoppio con Daka, ma l’arbitro annulla dopo l’intervento della Var che coglie il fuorigioco dell’attaccante. Al 19′, Spalletti richiama in panchina Lozano e Zielinski per inserire Politano e Elmas. Ma, alla ripresa del gioco, il Leicester trova la ripartenza con Barnes che evita Malcuit e con un diagonale di sinistro batte Ospina (20′). Il paradosso sta nel fatto che il Napoli costruisce palle gol e l’avversario concretizza quello che riesce a produrre. Osimhen, tuttavia, non ha alcuna intenzione di arrendersi, combatte da solo contro i due centrali del Leicester e al 24′ accorcia le distanze con un tocco sotto, di misura, che scavalca Schmeichel e finisce in rete. L’assist è di Fabian Ruiz. Il centravanti nigeriano è una furia, si avventa su tutti i palloni e tiene in apprensione il portiere danese che deve uscire a valanga per non fargli prendere il pallone (40′). Ma nulla può, Schmeichel al 42′, quando sul cross di Politano, Osimhen sale in cielo per colpire di testa il pallone del 2-2. Nel settore destinato ai tifosi napoletani c’è il delirio, mentre Luciano Spalletti non sa trattenere l’esultanza.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Europa League

rfwbs-slide