Seguici su
1606814839090918

Calciomercato

Dopo Hakimi, anche Lukaku?

Lukaku ha già detto addio. L’Inter con le spalle al muro

Sirene inglesi per Romelu Lukaku: i tifosi nerazzurri temono di perdere il loro bomber e forse già lo hanno perso.

Il QS riporta: “ Finirebbero, con l’addio, i propositi gloriosi di Suning. Altro che raggiungere i top club del mondo. Chiaro l’intento: mettere a posto i bilanci, rifondendo il prestito ricevuto da Oaktree, per poi levare eventualmente le tende. Eppure fino a qualche settimana fa dalla dirigenza rassicuravano che i traguardi sportivi andavano di pari passo con quelli economici.

Il muro del “no grazie” dei dirigenti nerazzurri, sembra stia vacillando davanti all’offerta shock dei blues. Le casse nerazzurre hanno bisogno di liquidità, l’offerta inglese non può essere presa sotto gamba. Ed è normale che la società di Suning ascolti le sirene che vengono dall’Inghilterra. La situazione attuale è la seguente: l’Inter ha respinto una prima offerta di 105 milioni più Alonso, per un totale di 120 milioni. Dal canto suo, il club nerazzurro aspetta una proposta più forte dal Chelsea, e sembra che stia arrivando. Radiomercato parla di una nuova offerta da 130 milioni cash: tutto lascia immaginare che se l’offerta dovesse arrivare a questa cifra, l’affare si potrà chiudere in tempi brevi. A Lukaku, il club di Abramovich dovrebbe mettere sul tavolo un ingaggio di 12/13 milioni, con i bonus si arriverebbe a 15 milioni, una cifra molto più alta degli 8,5 milioni che guadagna a Milano.

Il belga è sempre stato considerato incedibile per la società nerazzurra, ma l’Inter sta valutando seriamente questa proposta, anche perché alcune operazioni in uscita come Vidal, Perisic o Sanchez non si sono concretizzate e gli ingaggi pesano sui bilanci societari. Nei giorni scorsi, dopo i primi rumors, il giocatore belga aveva lanciato messaggi di amore nei confronti della maglia nerazzurra. Ma a certe cifre, Lukaku difficilmente potrebbe dire di no ad un suo passaggio al Chelsea. Chi rimarrebbe deluso senz’altro sarebbe mister Inzaghi, al quale la società dovrebbe garantirgli un attaccante che faccia la differenza, anche perché senza Lukaku, l’Inter non sarebbe la più la stessa con conseguente ridimensionamento degli obiettivi per la prossima stagione

 

 

Collaboratore - Laurea in Teologia

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Calciomercato

rfwbs-slide