Seguici su
1606814839090918

Editoriale

Dimensione Europa: il Napoli debutta da protagonista

Il qualcosa in più di Spalletti: un entusiasmo che ha ammaliato anche i più diffidenti. E ciò fa male ai professionisti freddi e distaccati come Allegri

I proverbi sono spesso una palla al piede ma come per la scaramanzia (essere superstiziosi è da ignoranti, ma non esserlo porta male), così “chi ben comincia”….e Luciano Spalletti ha cominciato bene il campionato e non vuole rinunciare all’Europa. L’occasione è ghiotta anche se troppi infortuni limitano le scelte di formazione. Spalletti vorrebbe essere concentrato soltanto sulla sfida di questa sera, eppure non può ignorare che in dieci giorni il Napoli sarà chiamato a giocare 4 partite. Lunedì 20 sarà a Udine; giovedì a Genova contro la Sampdoria; domenica 26 arriverà a Napoli il (nuovo) Cagliari di Mazzarri e giovedì 30 riceverà lo Spartak Mosca. Dieci giorni per ribadire il primato in campionato e proseguire in Europa League con infortuni da smaltire e magari reintegrare con il contagocce forze nuove come Mertens o Ghoulam.

Ma “il detto chi ben comincia” ha una motivazione psicologica molto evidente in questo tecnico che per due anni è stato lontano dal calcio. Due anni infami condizionati dalla pandemia e dalla mancanza di pubblico. Due anni che hanno modificato il modo di seguire la squadra dalla panchina con milioni di orecchie a sentire. Con un Var molto più attento di quando due anni fa lasciò l’Inter e con la nuova regola di cinque sostituzioni che per un tecnico significa vincere o perdere una partita. Rientrare era un rischio che ha accettato perchè pulsava.

E Luciano Spalletti ha iniziato ad assaporare l’adrenalina che dà il campo, sin da gennaio, quando fu contattato da De Laurentiis. Da gennaio segue una squadra che già era sua nel giorno della presentazione quando disse : “ Da quando mi hanno detto che sarei stato l’allenatore, non ho mai tolto gli occhi da questa squadra che mi piace e mi assomiglia.”

Chiunque ricorda Spalletti all’Inter: sembrava felice com’è ora? Sembrava coinvolto come ora? Sembrava in simbiosi con i nerazzurri come con l’azzurro? E’ arrivato in questa squadra che aspettava solo d’essere guidata ma in un ambiente molto diffidente nei suoi confronti. E lui ha ammaliato tutti un passettino alla volta trasmettendo la sua adrenalina falsamente composta. E’ un gran professionista – e si vede – ; sa leggere la partita – e si vede -; non lascia nulla d’intentato – e si vede-. Ma ha qualcosa in più degli altri: ha un entusiasmo che può indispettire e offendere persone come Allegri, perfetti, freddi glaciali professionisti.

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Editoriale

rfwbs-slide