Seguici su
1606814839090918

Serie A

Dall’assemblea di Lega, un grido di aiuto alla FIGC

Nell’assemblea di Lega si contano i danni dell’emergenza coronavirus: circa 700 milioni se la Serie A non riprendesse, senza contare Serie B e Lega Pro

serie a

Si è da poco conclusa l’Assemblea della Lega Serie A, naturalmente tenutasi in videoconferenza. I venti patron hanno stilato un documento comune, concernente le perdite economiche che colpirebbero il calcio italiano nel caso i campionati non riprendessero.

La Serie A perderebbe circa 720 milioni di euro, tra mancati diritti televisivi, spettatori allo stadio e merchandising; la Serie B tra i 150 e i 200 milioni, la Lega Pro tra i 20 e circa 80 milioni.

Tali previsioni saranno girate al presidente della FIGC Gravina: a lui il compito di mediare con il CONI ed il Ministro dello Sport Spadafora.

Al governo, il mondo del calcio chiede aiuto attraverso due manovre complementari. Da una parte, si ragiona su una possibile nuova forma di finanziamenti. In particolare, si pensa ad un nuovo gioco sul modello del Totocalcio, i cui introiti darebbero ossigeno al mondo-calcio nel breve periodo. Dall’altra, i club chiedono sgravi fiscali per superare la crisi (così come lo riceverebbero le altre imprese) nonché misure economiche per sostenere il costo degli stipendi (come la tanto paventata decurtazione degli stipendi). Ma i club ragionano anche sul lungo periodo: sono stati richiesti nuovi incentivi per la costruzione di infrastrutture, ed una diversa ripartizione dei diritti TV.

Ancora prematuro qualsiasi discorso riguardante la ripresa del campionato e degli allenamenti. Le prossime settimane saranno decisive in tal senso. Ma difficilmente si può pensare di ricominciare se non entro inizio maggio.

 

Claudio Urciuolo

 

Giornalista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Serie A

rfwbs-slide