Seguici su
1606814839090918

Amarcord

Da Sorrento a Castel di Sangro, storia dei ritiri azzurri

Oggi parte il ritiro del Napoli, ecco la storia di tutte le località che hanno ospitato gli azzurri dalla Penisola Sorrentina all’Abruzzo, passando per il Trentino

Dimaro: un nome che a molti italiani non dirà nulla, ma che invece è sinonimo di azzurro per i tifosi del Napoli. Per nove anni, infatti, i ritiri estivi del Napoli si sono svolti in questa amena e ben ventilata valle trentina, a 700 metri sul livello del mare. Fino alla svolta, quest’anno: causa Covid, meglio non allontanarsi troppo. Ecco quindi che Castel di Sangro, comune in provincia dell’Aquila, sarà la prossima sede della rifinitura estiva.

I ritiri sono uno dei tanti riti calcistici, nonché quello più importante per forgiare una squadra competitiva. In estate, inoltre, i tifosi hanno modo di ammirare i nuovi giocatori prima dell’inizio del campionato. E’essenziale, per le società, scegliere luoghi adatti per una vacanza e senza l’afa cittadina. Il primato dei ritiri azzurri, poi superato da Dimaro, toccava alla tenuta “Il Ciocco”, in provincia di Lucca. Ferlaino voleva tornare in Italia, dopo un esperienza non esaltante in Svizzera, a Coira. Per sette anni, e sotto tre allenatori (Chiappella, Vinicio e Pesaola), il Napoli in un certo senso aiutò la struttura a svilupparsi, un po’ come successo a Castelvolturno. La Toscana, d’altra parte, era stata scelta anche nel 1967, quando gli azzurri di Zoff andarono in ritiro ad Abbadia San Salvatore, in provincia di Siena. E sarà scelta nel 1980, il primo anno di Ruud Krol al Napoli (a Castel del Piano, 60 chilometri da Grosseto).

Andando più indietro nel tempo, come sede dei ritiri ritroviamo località campane, come la splendida Sant’Agata sui Due Golfi (nel 1929) e Agerola (dove, si narra, Canè non apprezzasse il clima e la mozzarella locale); e abruzzesi (Sulmona, L’Aquila). Ma anche Rieti, Bressanone, Madonna di Campiglio, Brusson, Predazzo: la geografia dei ritiri non conosce confini. Però, dopo tanti anni con vista sulle Alpi, il Napoli torna, dal 2020, più vicino a casa.

Collaboratore

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Amarcord

rfwbs-slide