Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Con il campionato fermo, il calcio virtuale potrebbe essere un’idea per continuare a emozionarci…

…magari assistendo a una sfida Napoli-Juventus giocata alla PlayStation dal nostro Lorenzo Insigne e da Cristiano Ronaldo

A Natale, sotto l’albero, mia figlia e mia moglie mi fecero trovare un regalo che, alla luce della situazione che stiamo vivendo oggi, si è rivelato utilissimo: la console “XBOX”, completa del gioco FIFA 2020. Il fatto di non poter uscire di casa, infatti, mi ha indotto a giocarci spesso, cosa che mi ha permesso di scoprire, giorno dopo giorno, le straordinarie emozioni che può regalare, nonostante la mia non più giovane età. Di certo non sono un campione, ma ho ormai acquisto le basi necessarie per divertirmi. In assenza del calcio vero bisogna arrangiarsi e vi assicuro che questo gioco è riuscito a sostituirlo alla grande. Naturalmente come squadra ho scelto il Napoli e con la rosa di quest’anno riesco a essere competitivo con tutte le altre compagini della serie A, cambiando spesso giocatori e moduli.

Ieri pomeriggio, mentre giocavo un incontro valevole per il titolo di campione contro il Milan di Ibrahimović, mi è venuta un’idea che mi piacerebbe sottoporre alla vostra attenzione: creare un torneo virtuale della serie A, al quale potrebbe partecipare un giocatore vero per ogni squadra, da trasmettere in diretta TV o sui canali social. È cosa risaputa quanto siano appassionati di questo gioco o della concorrente “PLAYSTATION” diversi giocatori professionisti, e allora perché non renderci partecipi delle loro performance, magari assistendo a una sfida Napoli-Juve giocata dal nostro Lorenzo Insigne e Cristiano Ronaldo?

La mia è solo un’idea partorita in un momento particolare in cui è necessario trovare un modo per impiegare un po’ del proprio tempo, ma credo che, se sviluppata bene, potrebbe richiamare l’interesse di un buon numero di spettatori, nonché di qualche sponsor lungimirante. Dando per scontato che i calciatori partecipanti aderirebbero all’iniziativa gratuitamente, gli eventuali introiti pubblicitari, oltre a coprire le spese organizzative e di messa in onda delle varie partite, potrebbero in parte essere destinati all’acquisto di forniture sanitarie delle quali in questo momento c’è assoluto bisogno.

A questo punto, lanciata l’idea, l’auspicio è che qualche esperto nell’organizzazione di eventi simili o qualche testata sportiva a livello nazionale, ritenendola interessante e soprattutto fattibile, riesca quanto prima ad attuarla. Quindi, se l’idea è di vostro gradimento e se volete che si diffonda rapidamente, vi invito a condividere questo articolo sui vostri social.

Roberto Rey

Grafico, vignettista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide