Seguici su
1606814839090918

Calcio

Con i “se” e con i “ma” la storia non si fa (guarda avanti Lorenzo!)

Ancora negli occhi il rigore non segnato e nel cuore le sue lacrime. Ma Lorenzo Insigne non deve dimostrare più nulla a nessuno

Mettiamoci nei suoi panni e proviamo soltanto a immaginare il dispiacere misto a rabbia, per un’opinione pubblica che la domenica prima ti esalta e il mercoledì successivo si lancia nelle solite invettive: “Non è un leader”, “Non è un campione”,  “Manca nei momenti più importanti” ecc. . Signori e signori, se fossi Insigne mi innervosirei non poco. Sempre, costantemente, sotto la lente di ingrandimento. A quasi trent’anni il Magnifico deve ancora dimostrare qualcosa al mondo che lo circonda. Un po’ come Napoli che, nonostante secoli e secoli di gloriosa storia, vive sempre con numerosi “ma” o “se” pronti ad offuscarne la bellezza. Certo, quel rigore era il centesimo gol in maglia azzurra per Insigne. Ma quel goal non si è concretizzato e la vita  – di tutti, anche la sua  – deve andare avanti.

Lorenzo è quello dello slalom alla Maradona di domenica scorsa contro la Fiorentina che ha mandato in gol Lozano. Quello imprescindibile secondo il CT della Nazionale Mancini, colui che incanta col tiro a giro. Una fine intelligenza tattica e un palleggio vellutato fanno dell’ex scugnizzo di Frattamaggiore uno dei più grandi talenti del calcio italiano e non sarà di certo un rigore non segnato a cambiarne fama. Qualcuno ha scritto che tre rigori sbagliati contro la Juventus fanno una prova. Questa è un’autentica banalità: non provò nulla quel maledetto rigore sbagliato di Roberto Baggio il 17 luglio 1994  (venticinque anni fa a Pasadena Codino sbagliò il rigore decisivo della finale mondiale contro il Brasile), non prova nulla il rigore sbagliato da Insigne mercoledì sera.

Lorenzo era e resta uno dei maggiori talenti del calcio italiano.  A tal proposito negli annali del calcio resterà il suo primo gol in Serie A, nella seconda apparizione allo stadio Maradona – allora San Paolo – nel campionato 2012-2013, durante un  Napoli Parma, match finito 3-1 per gli azzurri.

 

 

 

Giornalista

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Calcio

rfwbs-slide