Seguici su
1606814839090918

Champions League

Busquets, squalificato, accanto a Sètien in conferenza stampa: una caduta di stile o la necessità di una bandiera rappresentativa

Quique Sètien si è presentato in conferenza stampa con un giocatore squalificato durante la gara d’andata

Non è sfuggita la caduta di stile del Barcellona che in conferenza stampa ha consentito che Sergio Busquets fosse al fianco di Quique Sétien. Il giornalista Antonio Giordano ha scritto: “ Che tristezza. Chi l’avrebbe mai detto che il Barcellona sarebbe stato capace di dare il peggio di sé, proprio alla vigilia di una partita di Champions. Un anno orribile, ne sono capita tedi ogni genere e specie, però mandare in conferenza stampa Busquets, squalificato per la sfida con il Napoli, per illuminare la stampa(e i lettori e i telespettatori e i tifosi del Barca che sono in tutto il mondo) è un’offesa verso la propria storia, non verso l’universo che osserva stupito dinnanzi a tanta sgradevolezza: pensavamo che fosse terribilmente vero ciò che hanno cercato di volerci far credere e cioè che il Barcellona fosse più di un club; e invece, in questo gesto, c’è la sintesi di come sia possibile cancellare (distruggere verrebbe da dire) l’autorevolezza e la statura di una società improvvisamente simile a tante altre, anzi persino peggiore”.

Un commento, quello di Antonio Giordano,  che riporta alla mente Totò con la famosa frase, tutta da comprendere “Signore si nasce ed io lo nacqui, modestamente”. Comunque stigmatizzata la caduta di stile di chi fortunatamente ha ricevuto un timbro – positivo – e neanche le cafonate scalfiscano com’è per la Vecchia Signora, la presenza di Busquets accanto a Sétien può esser letta anche come una necessità in una barca che affonda. Già è intervenuto in prima persona per “comprendere” la fuga di Arthur in Brasile e trovare un accordo con la società per evitare vie legali, poi accanto ad un tecnico sfiduciato da Messi in guerra con Bartomeu che intende restare  al suo posto sino alla fine del mandato, può significare che è diventato più di una bandiera per la squadra.

Così a lungo ha parlato della partita: “Siamo positivi, giocheremo al 100%. Proveremo a segnare un gol, se lo faremo la gara andrà bene. Tutto ciò che porta miglioramento è il benvenuto. In questa settimana ci siamo allenati bene, speriamo di trarne i frutti domani. E’ una partita importante, a eliminazione diretta. Abbiamo molta voglia di continuare in questa competizione e andare alla Final Eight. Giocare contro il Napoli non è semplice, hanno un grande allenatore e giocatori di grandissimo livello”. E quando gli è stato chiesto di Sètien, Busquets ha smussato l’angolo:”Noi calciatori dobbiamo stare lontani da queste vicende, pensiamo al campo. Se dovessimo continuare con Setien sarebbe comunque un bel segnale per tutti. Ma adesso pensiamo al Napoli, la partita più importante ora”. Realmente vivono l’incertezza del domani : il Napoli può stupirli se solo sentirà d’essere nato signore. In tutti i sensi

Giornalista.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in Champions League

rfwbs-slide