Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Bryan Jocelyn Dodien si è arreso a 17 anni

Paul Pogba che lo seguiva da sempre ha scritto: “Hai lottato tanto, sei stato forte, un esempio per tutti. Ciao piccolo amico mio”.

Bryan Jocelyn Dodien ha lottato per tre anni contro “quell’innominabile male” ma nel 2019 sembrava avesse vinto la sua battaglia: oggi è stato sconfitto perché “quello” è ritornato. Su tutti i quotidiani si legge:  “il mondo del calcio e la Juventus in particolare, è in lutto”: nulla di più falso perché quel ragazzo di 17 anni rappresenta la sconfitta di tutti, ma proprio tutti.

Bryan Jocelyn Dodien, classe 2004 aveva militato a lungo nelle giovanili del club bianconero. Ad appena 11 anni, era stato diagnosticato un tumore che lo aveva costretto a restare a lungo lontano dai campi di gioco, prima del ritorno, il 6 gennaio 2019, con l’Under 15 entrando in campo a 10′ dalla fine nel 3-1 contro il Bologna.

Poi, subdolo, il male è tornato quando vestiva la maglia del Chisola, nel campionato Allievi. A comunicare la tragica notizia è stata la società bianconera: “La Juventus si stringe nel dolore con la famiglia di Bryan Dodien”, il triste messaggio affidato nella serata di sabato a Twitter dal club torinese.

Bryan aveva lottato e aveva vinto così da scrivereDopo tre anni di lotta oggi sono tornato in campo“,  e anche Paul Pogba aveva seguito questo ragazzino che aveva vinto la sua battaglia dedicandogli un gol e scrivendo sulla maglia “Bryan sono con te” che ai microfoni così spiegò: “E’ un ragazzo piccolo che giocava alla Juve, adesso alle prese con il cancro. Ho detto che dovevo segnare per lui, questo gol era per Bryan. Sono sempre con lui e non lo lascerò mai“. Appresa la tragica notizia al termine della sfida tra la sua Francia e l’Ucraina, Pogba ha salutato Bryan e rivolto un pensiero alla sua famiglia sui propri profili social: “È la più triste delle notizie. Tutte le mie preghiere vanno ai suoi cari. Perdere una persona che si ama non è mai facile, ma io non ti dimenticherò mai. Hai lottato tanto, sei stato forte, un esempio per tutti. Ciao piccolo amico mio”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide