Seguici su
1606814839090918

In primo piano

Belgio – Francia 2-3: i francesi volano in finale con una clamorosa rimonta

I francesi di Deschamps conquistano il pass per la finale di Nations League grazie alla rete di Theo Hernandez al termine di una clamorosa rimonta e di una partita dalle mille giocate ed emozioni.

BELGIO – FRANCIA  2 – 3  (37′ Carrasco (B), 41′ Lukaku (B), 62′ Benzema (F), 68′ rig. Mbappé (F), 90′ Theo Hernandez)

BELGIO (3-4-3): Courtois; Alderweireld, Denayer, Vertonghen; Castagne (91′ Batshuaiy), Tielemans (70′ Vanaken), Witsel, Carrasco; De Bruyne, Lukaku, Hazard. All. Martinez

FRANCIA (3-4-1-2): Lloris; Kounde, Varane, L. Hernandez; Pavard (91′ Dubois), Pogba, Rabiot (75′ Tchouameni), T. Hernandez; Griezmann; Mbappé, Benzema (95′ Veretout). All. Deschamps

L’avvio della prima frazione è lo specchio della qualità di entrambe le formazioni. Tante occasioni e tante giocate di altissimo livello sia da una parte che dall’altra. La prima è capitata dopo appena 5 minuti di gioco con una conclusione di De Bruyne dal limite dell’area piccola. Il belga però è sfortunato e trova la clamorosa risposta di Lloris. 5 minuti più tardi il giocatore del Manchester ci riprova con un tiro al volo che finisce al di sopra della traversa. La Francia non è da meno e grazie agli strappi sensazionali di Mbappe e di Pogba arriva spesso nell’area di rigore avversaria senza tuttavia impensierire Courtois. Dal 25′ però i Galletti spariscono totalmente dal campo, e il pallino del match passa ai Diavoli Rossi. Al 37′ il match si sblocca grazie a Carrasco che con una conclusione rasoterra da posizione defilata batte Lloris. Pochi minuti dopo arriva il raddoppio belga con Lukaku che per liberarsi dalla marcatura di Lucas Hernandez si inventa un numero facendosi sfilare il pallone sotto le gambe e da posizione defilata batte l’estremo difensore francese con una conclusione potentissima d’interno.

Il secondo tempo è probabilmente ancora più bello ed emozionante del primo. La Francia che sembrava oramai spacciata, passa dall’Inferno al Paradiso. I ragazzi di Deschamps infatti scendono in campo campo con un’altra testa, aggrediscono ogni pallone e mettono spesso in difficoltà la retroguardia del Belgio che, al contrario del primo tempo, commette numerosi errori e sembra in chiara confusione. Al 58′ il primo campanello di allarme con Griezmann che si divora un’occasione d’oro. 4 minuti dopo Benzema danza in area di rigore e accorcia le distanze con un sinistro in diagonale (da registrare il fatto che avesse attorno 4 maglie del Belgio) su cui non può nulla Courtois. L’occasione sciupata 10 minuti prima dall’attaccante dei Colchoneros viene però riscattata procurandosi un calcio di rigore che viene trasformato in maniera sontuosa da Mbappe. La Francia riesce dunque a tornare in partita, ma manca ancora parecchio da giocare. Nel finale succede di tutto. Il Belgio con un ribaltamento di fronte segna il gol del 3-2 ancora una volta grazie al suo numero 9 Romelu Luaku. Ma l’arbitro viene richiamato dal VAR e annulla la rete per una posizione di fuorigioco millimetrica dello stesso Lukaku. Successivamente Pogba da calcio di punizione disegna una splendida traiettoria che però termina sulla traversa. Infine al 90′ Theo Hernandez dimostra di meritarsi questa convocazione, per cui ha aspettato e lavorato tanto, segnando il gol del 3-2 francese. Un gol, si può dire, proprio alla Theo Hernandez. Tutti i tifosi neutrali vorrebbero che questa fantastica partita non finisse mai, ma purtroppo dopo 6 minuti di recupero arriva il triplice fischio.

La Francia dunque va in finale e affronterà la Spagna domenica sera a San Siro. Il Belgio invece sciupa l’ennesima occasione per accedere ad una finale, e si dovrà accontentare di quella per il terzo e il quarto posto a Torino, ancora una volta contro l’Italia.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Da leggere

Altri in In primo piano

rfwbs-slide